DISOCCUPAZIONE USA CALA IN GENNAIO AL 4%

4 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Questa mattina il governo Usa ha annunciato che in gennaio il tasso di disoccupazione e’ sceso al 4%, dal 4,1% registrato in dicembre.

I nuovi occupati in gennaio sono stati 387.000, contro una previsione di 255.000. L’inaspettato aumento e’ soprattutto dovuto alle buone condizioni metereologiche dello scorso mese. Il bel tempo ha incoraggiato le attivita’ di costruzioni edili, causando un aumento della manualita’ impiegata in questo settore.

Allo stesso tempo, pero’, il dato piu’ importante di questo gruppo, quello che gli esperti tengono d’occhio per avere il polso delle future spinte inflazionistiche – i salari orari – ha mostrato un aumento solo dello 0,4%, contro una previsione dello 0,3%. L’inflazione rimane quindi contenuta nonostante la locomotiva dell’economia Usa continui a tirare a tutto vapore.

La notizia e’ rassicurante per la borsa, come dimostra il fatto che l’indice S&P futures e’ rimasto in territorio positivo dopo la diffusione del dato.