Diskeeper: Un nuovo documento tecnico rileva la necessità di deframmentare i SAN

11 Agosto 2009, di Redazione Wall Street Italia

Diskeeper Corporation, innovators in performance and reliability technologies®, ha annunciato oggi la pubblicazione da parte di Ziff Davis Enterprise di un nuovo documento tecnico contenente informazioni esaurienti e dettagliate sulla necessità della deframmentazione quale processo di importanza vitale per tecnologie quali i SAN (storage area networks). La notevole complessità e la mole di software e hardware utilizzati oggi per l’archiviazione hanno portato alla nascita di molti miti e concetti erronei riguardanti la continua necessità di deframmentare i dischi. Lo studio pubblicato sottolinea come le nuove tecnologie dei sottosistemi per i dischi, pur contribuendo a migliorare le prestazioni complessive dei sistemi, non risolvono i problemi che nascono a livello del file system, quali ad esempio la loro frammentazione. Anche con le tecnologie di archiviazione più recenti, ad esempio i SAN, il disco continua ad essere l’anello debole della catena. Inoltre la rapida introduzione di tecnologie quali la virtualizzazione e il cloud computing contribuiscono ad aumentare la frammentazione del sistema complessivo. Il documento tecnico mette in luce come la deframmentazione dei SAN non si limiti ad aumentare le prestazioni e l’affidabilità di un sistema, ma impedisca anche alle aziende di effettuare investimenti non necessari in risorse supplementari per l’archiviazione. I SAN offrono la massima efficienza nell’archiviazione dei dati, ma non sono progettati per risolvere problemi legati alla frammentazione dei file. Diskeeper® 2009 comprende tecnologie chiave di importanza vitale per i SAN: InvisiTasking® Technology assicura che Diskeeper 2009 sfrutti unicamente le risorse non utilizzate senza influire negativamente su quelle dei sistemi. I-FAAST® (Intelligent File Access Acceleration Sequencing Technology) migliora fino all’80% la velocità di lettura di file consultati frequentemente. Intelligent Defragmentation è monitorato dal controllore logico di Diskeeper 2009, che individua varie condizioni relative al volume e al sistema e sceglie l’algoritmo più efficace per ottimizzare la velocità e l’efficienza delle prestazioni. Titan Defrag Engine™ è progettato specificamente per lavorare con grandi volumi; questo motore è in grado di trattare volumi di dati pari a 10TB, 20TB e oltre. Per ottenere una copia del documento tecnico e scoprire i vantaggi che Diskeeper 2009 può apportare alla vostra organizzazione, visitate il sito www.diskeepereurope.com o telefonate al numero +44 1342 327477. Informazioni su Diskeeper Corporation—Innovators in Performance and Reliability Technologies®: Utenti privati, professionisti e grandi aziende si affidano al software Diskeeper per fornire prestazioni e affidabilità ineguagliabili ai propri computer portatili, da tavolo e server. Diskeeper Corporation offre inoltre real-time protection and real-time recovery™ con il software Undelete® per il recupero dei dati(www.undeleteeurope.com). © 2009 Diskeeper Corporation. Tutti i diritti riservati. Diskeeper, InvisiTasking, Titan Defrag Engine, I-FAAST, Real-Time Protection: Real-Time Recovery, Undelete and Innovators in Performance and Reliability Technologies sono marchi registrati di proprietà di Diskeeper Corporation. Tutti gli altri marchi sono di proprietà dei rispettivi depositari. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Diskeeper Corporation EuropeAntonina Crimi, +44 (0) 1342327477a.crimi@diskeeper.co.uk