Default si avvicina, ma Pimco compra bond Usa

10 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La situazione, in America, rimane esplosiva, con lo shutdown del governo federale che entra ufficialmente nel suo decimo giorno, e l’avvicinarsi del 17 ottobre, data entro cui deve essere trovato un accordo per evitare il default Usa.

Nonostante le recenti vendite che hanno colpito Wall Street, diversi economisti e gestori di fondi sono comunque convinti che, alla fine, i Democratici e Repubblicani del Congresso riusciranno a ricucire lo strappo ed evitare il peggio.

Tra questi si mette in evidenza Bill Gross, fondatore di Pimco, il fondo obbligazionario numero uno al mondo. La dichiarazione di Gross arriva dopo l’annuncio di Fidelity Investments, che ha reso noto che non detiene più nel proprio portafoglio Treasuries che hanno una scadenza che coincide con il periodo in cui gli Stati Uniti toccherebbero il tetto sul debito.

“Noi stiamo facendo, in realtà, esattamente l’opposto…probabilmente acquistando quanto Fidelity sta vendendo”, ha detto Gross, in un’intervista rilasciata al canale televisivo Cnbc.

Secondo Gross, esistono 1 milione di possibilità su una che gli Stati Uniti non facciano default sui propri debiti, anche se ciò non significa che sui mercati non incombe alcuna minaccia,.

“I mercati, di base, stanno guardando al fiasco di Washington e ammettono che se non si arriverà a una soluzione riguardo al budget, al modo in cui affrontare il tema del tetto sul debito e gli investimenti in questo paese…..per i prossimi 5, 10, 15 anni, allora, sì, potremmo avere un problema…perchè i mercati sono legati all’abilità di un’economia di crescere”, ha sottolineato.

COSA E’ IL TETTO SUL DEBITO? LEGGI

Debito Usa: le possibili conseguenze sui mercati

Rischio default: Cina stacca la spina a Usa?

Bond: cresce l’appeal di Italia e Spagna, sbanca Btp 7 anni

Wall Street: default Italia più probabile

Default Usa: banche temono corsa sportelli