Crisi liquidita’: Bce presta delle cifre astronomiche alle banche

30 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Gli analisti scommettavano su un calo della domanda di liquidita’ presso la Bce da parte delle banche europee. Si sbagliavano.

Ieri le societa’ finanziarie dell’area euro hanno preso in prestito dalla Bce 265,45 miliardi di euro per sette giorni. E’ una cifra enorme, piu’ alta dei 247 miliardi della settimana prima (che andavano rimborsati ieri) e ai massimi da giugno 2009.

Piu’ si avvicina la fine dell’anno e piu’ la corsa alla liquidita’ acceelera e con essa la dipendenza degli istituti finanziari alla Bce. Se si guarda all’andamento dei numeri (vedi grafico allega), l’ammontare sollecitato e’ destinato a salire ancora

“Anche il numero di banche che vogliono prendere denaro a prestito dalla Bce sta crescendo”, sottolinea il team di analisti di Barclays Capital. Ieri hanno partecipato all’operazione 192 entita’, contro le 178 di una settimana prima e le 161 di quindici giorni addietro.

“Una delle spiegazioni possibili e’ che sta diventando sempre piu’ difficile reperire finanziamenti dal mercato offrendo in cambio prestiti degli stati dei paesi perifierici, il che spinge un certo numero di banche a rivolgersi alla banca centrale”, secondo Mikael Nilsson di Barclays Capital.

Il motore del mercato interbancario e’ ingolfato. Il gap tra il prezzo della liquidita’ reperibile sul mercato e quella offerta dalla Bce e’ ai massimi da marzo 2009. E le banche sono riluttanti a prestarsi denaro tra di loro.

L’istituto di Francoforte, preoccupato per la situazione, riflette intanto sulle strade da seguire per alleviare le tensioni sui finanziamenti ai gruppi dell’area euro. Secondo Reuters, la BCE s’interroga in particolare sull’opportunita’ di concedere prestiti su titoli con scadenza superiore a un anno.