Crisi approvvigionamento di gas in Europa dopo le sanzioni russe

13 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

La pressione sull’Europa per assicurarsi forniture alternative di gas è aumentata giovedì quando Mosca ha imposto sanzioni alle filiali europee di Gazprom di proprietà dello stato il giorno dopo che l’Ucraina ha interrotto un’importante rotta di transito del gas, spingendo al rialzo i prezzi.

La Russia ha imposto sanzioni alla fine di mercoledì principalmente contro le filiali europee di Gazprom, tra cui Gazprom Germania, un’azienda di commercio, stoccaggio e trasmissione di energia che la Germania ha posto sotto amministrazione fiduciaria il mese scorso per garantire le forniture.

Ha inoltre sanzionato il proprietario della parte polacca del gasdotto Yamal-Europa che trasporta il gas russo in Europa.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che non possono esserci relazioni con le società interessate né possono prendere parte alla fornitura di gas russo.

Le entità interessate, elencate su un sito web del governo russo, hanno sede in gran parte in paesi che hanno imposto sanzioni alla Russia in risposta alla sua invasione dell’Ucraina, la maggior parte dei quali membri dell’Unione Europea.

La Germania, il principale cliente della Russia in Europa, ha affermato che alcune filiali di Gazprom Germania non hanno ricevuto gas a causa delle sanzioni, ma stanno cercando alternative.

“Gazprom e le sue sussidiarie sono interessate”, ha detto il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck alla camera bassa del Bundestag. “Ciò significa che alcune delle filiali non riceveranno più gas dalla Russia. Ma il mercato offre alternative”.

L’elenco include anche il più grande impianto di stoccaggio del gas della Germania a Rehden, nella Bassa Sassonia, con una capacità di 4 miliardi di metri cubi e gestito da Astora.

Nonostante tutto i flussi di gas russo verso la Germania continuano attraverso il gasdotto Nord Stream 1 sotto il Mar Baltico.

Se le aziende sanzionate non possono operare, altre società come le utility del gas potrebbero subentrare nei contratti, il che probabilmente comporterebbe l’accordo di nuovi termini con Gazprom, anche per il pagamento, ha affermato Henning Gloystein, direttore di Eurasia Group.

“Questo potrebbe essere ciò che Gazprom intende qui, oltre a inviare anche un segnale di ritorsione (per le sanzioni dell’UE)”, ha aggiunto.

Transito del gas

Gazprom ha affermato che non sarà più in grado di esportare gas attraverso la Polonia attraverso il gasdotto Yamal-Europa dopo le sanzioni contro EuRoPol Gaz, proprietaria della sezione polacca.

Il gasdotto collega i giacimenti di gas russi nella penisola di Yamal e nella Siberia occidentale con la Polonia e la Germania, attraverso la Bielorussia, e ha una capacità di 33 miliardi di metri cubi, circa un sesto delle esportazioni di gas russe in Europa.

Tuttavia, da alcune settimane il gas scorre verso est attraverso il gasdotto dalla Germania alla Polonia, consentendo alla Polonia, che è stata tagliata fuori dalle forniture russe insieme alla Bulgaria il mese scorso per essersi rifiutata di conformarsi a un nuovo meccanismo di pagamento, di accumulare scorte.

Il tedesco Habeck ha affermato che le misure della Russia sembravano progettate per aumentare i prezzi, ma il previsto calo del 3% delle consegne di gas russe potrebbe essere compensato sul mercato, anche se a un costo più elevato.

Preoccupazione per l’inverno

Le sanzioni di Mosca sono arrivate appena un giorno dopo che l’Ucraina ha interrotto una rotta di transito del gas, accusando l’interferenza delle forze di occupazione russe, la prima volta che le esportazioni attraverso l’Ucraina sono state interrotte dall’invasione.

Il punto di transito del gas di Sokhranovka non sarà riaperto fino a quando Kiev non avrà ottenuto il pieno controllo del suo sistema di gasdotti, ha affermato il capo dell’operatore GTSOU, aggiungendo che i flussi potrebbero essere reindirizzati al punto di transito alternativo di Sudzha, anche se Gazprom ha affermato che questo non è tecnologicamente possibile.

Mentre la Commissione europea ha affermato che la sospensione ucraina non presenta un problema immediato di fornitura di gas, ci sono preoccupazioni nel mercato per l’inverno, quando la domanda di riscaldamento aumenterà e i vincoli di fornitura globale si morderanno.

“I livelli di stoccaggio sono attualmente sufficienti per durare per la maggior parte del 2022, anche se i flussi russi dovessero interrompersi all’istante, salvo eventi meteorologici imprevisti, ma le prospettive per l’offerta dell’inverno 2022 sono ora molto più pessimistiche”, ha affermato Kaushal Ramesh, analista senior di consulenza Rystad Energy.

I politici finlandesi sono stati avvertiti che la Russia potrebbe interrompere le forniture di gas alla vicina Finlandia domani.

C’è ancora confusione tra le compagnie del gas dell’UE su uno schema di pagamento decretato da Mosca a marzo che secondo la Commissione europea violerebbe le sanzioni dell’UE.

Il principale produttore tedesco di energia, RWE, si aspetta che Berlino chiarisca presto se i pagamenti per il gas russo possono essere effettuati nell’ambito dello schema proposto da Mosca, ha detto giovedì il suo capo delle finanze, poiché la scadenza si avvicina alla fine del mese.

La richiesta di pagamento in rubli da parte della Russia è stata respinta dalla maggior parte degli acquirenti di gas europei per i dettagli del processo, che richiede l’apertura di conti con Gazprombank, alimentando i timori su potenziali interruzioni dell’approvvigionamento e le loro conseguenze di vasta portata per l’Europa e in particolare la Germania, che fa molto affidamento su gas russo.