Crisi del gas, lo scisto Usa non salverà l’Europa dall’inverno

16 Settembre 2022, di Alessandra Caparello

Lo scisto americano non riuscirà a salvare l’Europa quest’inverno. A lanciare l’allarme, dalle colonne del “Financial Times”, sono i dirigenti statunitensi dello scisto, nome che il gas prende dalla roccia dal quale viene estratto, che possiedono enormi riserve di petrolio e di combustibili puri che potrebbero essere utilizzate per alleviare la crisi energetica europea.

I dirigenti avvertono che non saranno in grado di aumentare le forniture in tempi sufficientemente brevi per prevenire le carenze invernali, mentre crescono i timori che un crollo delle esportazioni russe possa portare il costo del greggio di nuovo al di sopra dei 100 dollari al barile.

Anche se i mercati petroliferi si sono ammorbiditi nelle ultime settimane, la tregua potrebbe terminare quando l’embargo dell’Ue sulle vendite russe entrerà pienamente in vigore entro la fine del mese. Il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen questa settimana ha avvertito che l’embargo “potrebbe causare un’impennata dei prezzi del petrolio“.

Scisto: cosa hanno detto i produttori statunitensi

“Non è che gli Stati Uniti possano pompare un po’ di più. La nostra produzione è quella che è”, ha detto Wil VanLoh, capo di Quantum Energy Partners. “Non c’è nessun salvataggio in arrivo“, ha aggiunto VanLoh. “Né sul versante del petrolio, né su quello del gas”.

Le esportazioni di petrolio e di combustibili liquefatti dagli Stati Uniti sono aumentate, ma sono vicine al massimo, hanno detto i dirigenti, spiegando che lo sviluppo della produzione di greggio scenderà al di sotto delle previsioni delle autorità di circa 1 milione di barili al giorno per i prossimi 12 mesi.

Interpellato sulla prospettiva di un miglioramento della produzione da parte del settore dello scisto statunitense, Scott Sheffield, direttore generale di Pioneer Natural Resources, uno dei maggiori produttori di petrolio negli Stati Uniti, ha dichiarato: “No, non lo vedo arrivare”. E ha aggiunto: “Non stiamo aggiungendo impianti di perforazione e non vedo nessun altro che ne aggiunga”. Il costo del greggio potrebbe salire sopra i 120 dollari al barile quest’inverno, a causa dell’irrigidimento delle forniture, ha evidenziato.

Il tutto mentre l’Agenzia Internazionale dell’Energia ha dichiarato che le vendite lorde di petrolio dalla Russia, il più grande esportatore al mondo, potrebbero diminuire di quasi il 20% quando l’embargo dell’Ue avrà pieno effetto. Il costo del Brent è salito dell’1% a 94 dollari al barile in seguito alla notizia.

L’impennata della produzione di scisto nel decennio precedente ha reso gli Stati Uniti il più grande produttore di petrolio al mondo, con una produzione che prima della pandemia ha raggiunto i 13 milioni di barili al giorno, ossia oltre il 10% dell’offerta mondiale.

La settimana scorsa, però, la produzione statunitense è risalita a soli 12,1 milioni di barili al giorno, dopo un enorme calo dovuto alla diminuzione dei costi del petrolio durante la pandemia. I nuovi problemi relativi al lento sviluppo dell’offerta di scisto arrivano mentre i commercianti si preoccupano anche della capacità del gruppo di produttori riuniti nell’Opec di aumentare l’offerta. La settimana scorsa, il cartello ha presentato un piano per iniziare a ridurre la produzione.

Mentre le supermajor Chevron ed ExxonMobil stanno aumentando le trivellazioni, il numero generale di impianti di perforazione è in stallo nelle ultime settimane e la produttività per pozzo è crollata.

Ben Dell, capo di Kimmeridge Energy, ha affermato che gli acquirenti del settore dello scisto a Wall Street non darebbero la loro benedizione a un gigantesco aumento della produzione, preferendo un modello a bassa produzione e alto profitto.

“Gli investitori in genere non vogliono che le società di scisto perseguano un modello di crescita”, ha affermato. “La disponibilità di capitale è estremamente limitata”.

Un modesto aumento dell’offerta da parte degli Stati Uniti nei prossimi mesi “non smuoverà le cose su scala mondiale”, ha concordato Matt Gallagher, responsabile del gruppo di perforazione personale Greenlake Energy Ventures. “Può essere pericoloso se pensiamo che questa energia a basso costo possa crescere – soprattutto sul versante del petrolio – per sempre”.

Le autorità statunitensi hanno lottato per mesi per far scendere i costi del greggio e della benzina, che hanno raggiunto un livello record all’inizio del mese e hanno messo in allarme l’amministrazione Biden in vista delle elezioni di metà mandato di novembre. La Casa Bianca ha chiesto ai produttori di scisto di aumentare la fornitura, e il segretario Jennifer Granholm ha descritto la nazione come “in assetto di guerra”.