Crescita inesorabile popolazione? No, abbiamo sbagliato tutto

8 Febbraio 2019, di Alberto Battaglia

Spesso i dibattiti sul futuro dell’umanità sono legati alla demografia. Frasi come “la popolazione africana è destinata a esplodere” o “è tempo di ripensare modelli alternativi per l’energia e l’alimentazione” sono strettamente legate a previsioni che, concordemente, affermano che la crescita demografica è destinata a continuare nei prossimi decenni. Le stime più accreditate parlano di 9 miliardi persone entro il 2050, 11 miliardi entro il 2100. Un nuovo libro, intitolato “Pianeta vuoto”, sfida alla base queste previsioni.

A firmarlo sono il giornalista John Ibbitson e il politologo Darrell Bricker, entrambi canadesi. La loro tesi è che nel giro di un trentennio la popolazione globale inizierà a diminuire, e che sarà un processo destinato a proseguire con persistenza. Perché? Perché le proiezioni demografiche non tengono adeguato conto dell’evoluzione nell’istruzione delle donne, le quali, raggiunto un determinato livello culturale, diventerebbero più avverse alla procreazione.

“Il modello di previsione demografica utilizzato dalle Nazioni Unite introduce tre fattori: tassi di fertilità, tassi di migrazione e tassi di mortalità. Non tiene conto dell’espansione dell’istruzione per le donne o della velocità dell’urbanizzazione (che sono in qualche modo collegate)”, ha spiegato a Wired Usa Darrell Bricker. “Quando sono andato a intervistare il demografo Wolfgang Lutz a Vienna, che è stata una delle prime cose che abbiamo fatto, mi ha guidato attraverso le sue proiezioni, e sono uscito dalla stanza sbalordito. Tutto quello che stava facendo era aggiungere una nuova variabile alla previsione: il livello di miglioramento nell’istruzione femminile. E si ottiene un numero molto più basso per la popolazione globale nel 2100, compresa tra 8 e 9 miliardi.

Lutz, i cui lavori scientifici contano oltre 13mila citazioni, aveva pubblicato uno studio su Nature nel 2001, affermando che esisteva un 15% di probabilità che la popolazione globale, nel 2100 sarebbe stata inferiore a quella di inizio secolo (cioè intorno ai 6 miliardi, al momento è a 7,7 miliardi).

“Abbiamo compiuto interviste 26 paesi chiedendo alle donne quanti bambini vogliono avere, e non importa dove andate: la risposta tende ad essere intorno a due”, ha dichiarato l’altro autore del libro,  John Ibbitson. “Le forze esterne che propiziavano famiglie più numerose stanno scomparendo ovunque. E questo sta accadendo più velocemente nei paesi in via di sviluppo. Nelle Filippine, ad esempio, i tassi di fertilità sono scesi dal 3,7 al 2,7 percento dal 2003 al 2018. Questo si traduce in un bambino in meno in 15 anni”.