Credito: crescono nel 2019 le frodi, danno stimato oltre 150 milioni di euro

13 Luglio 2020, di Alessandra Caparello

Nel 2019 in Italia i casi rilevati di frodi creditizie sono stati oltre 32.300 per un danno stimato che supera i 150 milioni di euro. Così emerge dall’ultimo Osservatorio sulle Frodi Creditizie e i furti di identità realizzato da Crif-MisterCredit secondo cui le frodi creditizie mediante furto di identità continuano ad avere un impatto non trascurabile sul credito alle famiglie.

Rispetto all’anno precedente il numero di frodi risulta in ulteriore crescita del +19,7% ma al contempo diminuito l’importo medio (-5,9%), attestatosi a circa 4.650 Euro, a dimostrazione che le organizzazioni criminali ormai non disdegnano nemmeno le operazioni fraudolente su beni di importo più contenuto. Tuttavia la costante crescita di questo fenomeno criminale non sembra arrestarsi tanto che le elaborazioni relative ai primi 4 mesi del 2020 mostrano un ulteriore incremento nei primi 2 mesi dell’anno (+5%) prima che il lockdown disposto dal Governo attenuasse la dinamica nel successivo bimestre (-12,8%), in virtù della drastica riduzione degli spostamenti delle persone e la temporanea chiusura della quasi totalità degli esercizi commerciali.