Credit Suisse in profondo rosso. Il ceo: “Risultati inaccettabili”

di Alessandra Caparello
9 Febbraio 2023 15:30

Perdita netta nel quarto trimestre e nell’anno al di sotto delle aspettative per Credit Suisse, che prevede un’altra perdita “sostanziale” per l’intero anno 2023, prima di tornare alla redditività nel 2024.

La perdita netta del quarto trimestre attribuibile agli azionisti è stata di 1,4 miliardi di franchi svizzeri (1,51 miliardi di dollari), peggiore delle previsioni degli analisti, che si aspettavano una perdita di 1,32 miliardi di franchi svizzeri.

I conti in rosso di Credit Suisse

L’amministratore delegato Ulrich Koerner ha dichiarato alla CNBC che i risultati completi sono “completamente inaccettabili”, ma ha sottolineato la necessità del programma di trasformazione pluriennale in corso.

Sotto la pressione degli investitori, la banca ha annunciato in ottobre un piano di semplificazione e trasformazione delle sue attività, nel tentativo di tornare a una redditività stabile dopo la cronica sottoperformance della sua banca d’investimento e una serie di fallimenti in materia di rischi e conformità. In una dichiarazione che accompagna i risultati, Koerner ha affermato che il 2022 è stato un “anno cruciale per il Credit Suisse” e che il piano strategico per la creazione di una “banca più semplice e focalizzata” è stato “eseguito a ritmo sostenuto”, aggiungendo:

“Abbiamo raccolto con successo circa 4 miliardi di franchi svizzeri di capitale azionario, abbiamo accelerato il raggiungimento dei nostri ambiziosi obiettivi di costo e stiamo facendo grandi progressi nella ristrutturazione radicale della nostra Investment Bank. Abbiamo un piano chiaro per creare un nuovo Credit Suisse e intendiamo continuare a realizzare la nostra trasformazione strategica triennale rimodellando il nostro portafoglio, riallocando il capitale, ridimensionando la nostra base di costi e costruendo sui nostri franchise leader”.

Deflussi netti nella gestione patrimoniale

Lo scorso novembre, la banca ha previsto una perdita di 1,5 miliardi di franchi svizzeri per il quarto trimestre a causa dei costi di ristrutturazione su larga scala, mentre gli azionisti di Credit Suisse hanno dato il via libera a un aumento di capitale di 4,2 miliardi di dollari per finanziare la revisione.

L’aumento di capitale ha incluso la vendita del 9,9% delle azioni del Credit Suisse alla Saudi National Bank, diventata così il maggiore azionista della banca. Qatar Investment Authority è diventata il secondo azionista del Credit Suisse lo scorso gennaio, dopo aver raddoppiato la sua partecipazione alla fine dello scorso anno.

I problemi di liquidità hanno portato Credit Suisse a registrare significativi deflussi di asset in gestione alla fine del 2022, ma Koerner ha dichiarato, in occasione del World Economic Forum dello scorso gennaio, che la banca ha registrato una forte riduzione dei deflussi e che il denaro sta tornando in alcune aree di attività. Ciononostante, i deflussi netti hanno raggiunto i 110,5 miliardi di franchi svizzeri nel quarto trimestre, portando i deflussi annuali di asset per il 2022 a 123,2 miliardi di franchi svizzeri, rispetto ai 30,9 miliardi di afflussi del 2021.

La sola divisione di gestione patrimoniale della banca ha registrato deflussi netti di asset per 95,7 miliardi nel 2022, concentrati soprattutto nel quarto trimestre. Secondo la banca elvetica, circa due terzi dei deflussi netti più ampi del trimestre si sono verificati in ottobre e “si sono ridotti sostanzialmente per il resto del trimestre”.

Per Koerner, il 60% dei deflussi totali è avvenuto in ottobre. Da allora, la banca ha avviato un programma di sensibilizzazione, parlando a 10.000 clienti della gestione patrimoniale globale e a 50.000 clienti in Svizzera.

“Questo ha creato un enorme slancio e mi aspetto che questo slancio ci accompagni per tutto il 2023, ma lo si può vedere se si guarda a gennaio”, ha dichiarato Koerner a Geoff Cutmore della CNBC. Poi ha aggiunto: “Il gruppo è in positivo sui depositi, il wealth management a livello globale è in positivo sui depositi, l’Asia Pac è in positivo sui depositi, l’Asia Pac è in positivo sui nuovi asset netti e anche la Svizzera è in positivo sui nuovi asset netti, quindi penso che se si guarda alla situazione che abbiamo vissuto da gennaio, direi che la situazione è completamente cambiata”.

Koerner si è inoltre detto fiducioso che il programma di sensibilizzazione e gli “enormi” livelli di fidelizzazione della clientela aiuteranno la banca a mantenere e a incrementare i flussi in entrata. Nella sua relazione, la banca ha dichiarato che i suoi risultati sono stati “significativamente influenzati dal difficile contesto macro e geopolitico, con l’incertezza del mercato e l’avversione al rischio dei clienti . Questo contesto ha avuto un impatto negativo sull’attività dei clienti in tutte le nostre divisioni. Sebbene ci aspettiamo che queste condizioni di mercato continuino nei prossimi mesi, abbiamo adottato misure complete per aumentare ulteriormente il nostro impegno verso i clienti, recuperare i depositi e gli AuM e migliorare l’efficienza dei costi”.