Credit Suisse crolla del 17%. Cosa sta succedendo

28 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

Le azioni di Credit Suisse sono crollate del 17% ieri dopo che la banca svizzera ha registrato una perdita trimestrale significativamente peggiore delle stime degli analisti e ha annunciato una massiccia revisione strategica.

La banca ha registrato una perdita netta nel terzo trimestre di 4,034 miliardi di franchi svizzeri, rispetto alle aspettative degli analisti di una perdita di 567,93 milioni di franchi svizzeri. La cifra era anche ben al di sotto dell’utile di 434 milioni di franchi svizzeri registrato nello stesso trimestre dell’anno scorso.

Sotto la pressione degli investitori, la banca ha rivelato un’importante revisione della sua attività nel tentativo di affrontare la sottoperformance della sua banca d’investimento, a seguito di una serie di costi di contenzioso che hanno eroso gli utili. Ieri il nuovo ceo Ulrich Koerner ha dichiarato che ha rappresentato l’inizio di una “trasformazione in un nuova Credit Suisse”.

Nel suo cambiamento strategico, la banca ha promesso di “ristrutturare radicalmente” la sua sezione di investimento per ridurre significativamente la sua esposizione alle attività ponderate per il rischio, utilizzate per determinare i requisiti patrimoniali di una banca. Mira inoltre a ridurre la sua base di costo del 15%, o 2,5 miliardi di franchi svizzeri, entro il 2025.

La banca prevede di sostenere oneri di ristrutturazione per 2,9 miliardi di franchi svizzeri entro la fine del 2024.

L’aumento di capitale di Credit Suisse

Il piano di trasformazione vedrà Credit Suisse scindere la sua banca d’investimento in un’azienda indipendente chiamata CS First Boston, raccogliere 4 miliardi di franchi svizzeri di capitale attraverso l’emissione di nuove azioni e un’offerta di diritti e creare un’unità di rilascio di capitale per liquidare imprese non strategiche.

Del previsto aumento di capitale di 4 miliardi di franchi svizzeri, la banca ha rivelato che 1,5 miliardi di franchi svizzeri proverranno dalla banca nazionale saudita, in cambio di una partecipazione fino al 9,9%. L’obiettivo è ridurre le attività ponderate per il rischio e sfruttare l’esposizione del 40% ciascuna nel corso della ristrutturazione.

Koerner ha preso il timone a luglio in seguito alle dimissioni del predecessore Thomas Gottstein, dopo che la banca ha registrato una perdita netta nel secondo trimestre di 1,593 miliardi di franchi svizzeri, molto al di sotto delle aspettative di consenso tra gli analisti. Ha affermato che la revisione strategica di giovedì ha rappresentato un “programma d’azione molto decisivo”. E ha spiegato la lista delle priorità:

“Numero uno: una ristrutturazione radicale della banca d’affari; numero due: una significativa riduzione dei costi; e numero tre: un ulteriore rafforzamento della nostra base di capitale, e penso che con questo abbiamo tutti gli ingredienti necessari per andare dove vogliamo andare”.

 

I guai di Credit Suisse

Credit Suisse è stata afflitta nell’ultimo anno da ricavi deboli dell’investment banking, perdite dovute al ritiro della sua attività in Russia e costi di contenzioso relativi a una serie di precedenti fallimenti di conformità e gestione del rischio, in particolare lo scandalo degli hedge fund Archegos. Vitaline Yeterian, vicepresidente senior per le istituzioni finanziarie globali di DBRS Morningstar, ha affermato che l’entità della perdita del terzo trimestre è indicativa dello stress che Credit Suisse ha subito nel suo core business:

“Sia nel terzo trimestre che nel nono mese 2022, i ricavi totali erano inferiori ai costi operativi e ben al di sotto dei colleghi nelle sue attività principali di investment banking e gestione patrimoniale”.

La banca ha anche assistito a un deflusso di depositi e asset in gestione, che ha attribuito in parte al danno reputazionale derivante dalle saghe Archegos e Greensill Capital, insieme a un picco di prelievi all’inizio di questo mese a seguito di ciò che la banca ha definito “copertura sulla stampa e sui social media basata su voci errate”.