Credit Suisse rassicura: i deflussi di liquidità si sono fermati

2 Dicembre 2022, di Gianmarco Carriol

Il presidente di Credit Suisse Axel Lehmann ha parlato a Bloomberg Television in un’intervista andata in onda oggi. Mentre l’azienda raccoglie 4 miliardi di franchi e intraprende un nuovo piano strategico, il prezzo delle azioni della società ha continuato a precipitare verso nuovi minimi storici.

A Zurigo, le azioni di Credit Suisse sono aumentate del 5,5% nella sessione di oggi, nonostante il titolo abbia perso 2/3 del suo valore quest’anno e sia sceso del 39% solo negli ultimi tre mesi. Lehmann ha previsto che la volatilità del titolo durerà fino a quando la banca non avrà terminato la raccolta di fondi.

Lehmann ha descritto il rapporto prezzo/valore contabile come pari a circa 0,2, rispetto a quello dei suoi concorrenti che si aggirano intorno al valore contabile. Non c’è nessuna barriera che ci impedisca di recuperare e tornare a quel livello. Anche se non posso dire quando accadrà, c’è la possibilità di ottenere risultati positivi”.

Il liquidity coverage ratio della banca, che misura la quantità di asset facilmente vendibili disponibili per far fronte alle obbligazioni, è attualmente al 140%. La scorsa settimana la metrica era scesa tra il 120% e il 130%, da un livello di circa il 190% alla fine del terzo trimestre.

Lehmann ha affermato di aver perso solo un piccolo numero di clienti. Ha osservato:

“Potrebbero averci sottratto un po’ di capitali. Quando la banca ritornerà solida, torneranno, almeno in parte”.

Analisi tecnica del titolo Credit Suisse

Credit Suisse vola in borsa nella sessione di oggi, al momento della stesura il titola segna un rialzo del 5,5%. Partenza molto dirompente per il titolo che in apertura fa segnare subito un 6,96%, toccando il livello a 3,30 dollari. Nel medio periodo le evidenze tecniche classificano un peggioramento della situazione per Credit Suisse, con potenziali discese fino all’area di supporto più immediata vista a quota 2,90.

Nel breve periodo notiamo invece lo scenario un innesco rialzista che se dovesse continuare potrebbe portare il titolo sulla resistenza più immediata individuata a 3,80 dollari.