Covid: scoperta variante Omicron. Quello che si sa finora

29 Novembre 2021, di Alessandra Caparello

Mercati in subbuglio con la notizia della scoperta della nuova variante sudafricana del Covid, ribattezzata Omicron che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità è probabile che si diffonda ulteriormente e pone un rischio globale “molto alto”.  Ma dopo il primo shock iniziale, ora i mercati sono pronti a scommettere che Omicron avrà un impatto meno impegnativo di quanto si prevedeva inizialmente.

Così l’indice Ftse Mib ha segnato in avvio un +1,45%, a 26.227 punti. Dopo il tonfo di venerdì, sulla scia dei rinnovati timori per la variante Omicron i mercati aprono in positivo tentando il recupero.

Covid: tutto quello che sappiamo finora sulla variante Omicron

L’OMS ha designato la variante B.1.1.529, che è stata individuata per la prima volta in Sudafrica, come “variante fonte di preoccupazione“. Tuttavia, ci sono ancora notevoli incertezze e incognite riguardo a questa variante. Prima di tutto, gli esperti non sanno ancora quanto sia trasmissibile la variante e se qualsiasi aumento sia legato alla fuga immunitaria, all’intrinseca maggiore trasmissibilità o a entrambi.

In secondo luogo, c’è incertezza su quanto bene i vaccini proteggano contro l’infezione, la trasmissione e la malattia clinica di diversi gradi di gravità, e la morte. E in terzo luogo, c’è incertezza sul fatto che la variante si presenti con un diverso profilo di gravità. L’OMS ha detto che ci vorranno settimane per capire come la variante può influenzare la diagnostica, le terapie e i vaccini. Prove preliminari suggeriscono che il ceppo ha un aumentato rischio di reinfezione.

La buona notizia è che almeno in questa fase iniziale, i sintomi di Covid legati alla nuova variante omicron sono stati descritti come “estremamente lievi” dal medico sudafricano che per primo ha lanciato l’allarme sul nuovo ceppo. La dottoressa Angelique Coetzee, presidente dell’associazione medica sudafricana, ha detto alla BBC domenica che intorno al 18 novembre ha iniziato a vedere sui pazienti “sintomi insoliti” che differivano leggermente da quelli associati alla variante delta, che è il ceppo più virulento del virus fino ad oggi e dominante a livello globale.

“In realtà tutto è iniziato con un paziente maschio di circa 33 anni che mi ha riferito di un’estrema stanchezza negli ultimi giorni e con dolori al corpo con un po’ di mal di testa (…) Il paziente non ha avuto un mal di gola, ma un sintomo di graffio in gola senza tosse o perdita di gusto o odore – sintomi che sono stati associati con ceppi precedenti del coronavirus”.

Così dopo aver effettuato un test Covid, risultato poi positivo, la dottoressa ha visto più pazienti quel giorno con gli stessi tipi di sintomi che differiscono dalla variante delta. Questo l’ha spinta a lanciare l’allarme al comitato consultivo per i vaccini del Sudafrica, di cui è membro.

“Quello che stiamo vedendo clinicamente in Sudafrica – e ricordate che sono nell’epicentro di questo dove sto praticando – è estremamente lieve, per noi [questi sono] casi lievi. Non abbiamo ricoverato nessuno, ho parlato con altri miei colleghi e danno lo stesso quadro”.

L’OMS ha detto che ci vorranno settimane per capire come la variante può influenzare la diagnostica, le terapie e i vaccini. Le osservazioni iniziali di Coetzee si basano solo su un numero molto piccolo di casi e gli esperti sono preoccupati per il gran numero di mutazioni di omicron. Prove preliminari suggeriscono che il ceppo ha un aumentato rischio di reinfezione, secondo l’OMS.

Potrebbe essere necessario un po’ di tempo per comprendere appieno quali sintomi specifici, se ce ne sono, sono attribuibili alla nuova variante omicron su scala più ampia.

I sintomi di Covid sono cambiati da quando il virus è emerso per la prima volta in Cina alla fine del 2019. Le varianti “alfa” e “delta”, scoperte per la prima volta nel Regno Unito e in India, sono state viste per causare sintomi diversi, ad esempio, con quest’ultimo che causa più mal di testa, mal di gola, naso che cola e febbre.

Panico inutile?

Una fascia ampia di paesi ha temporaneamente vietato i viaggi da diversi paesi dell’Africa meridionale dove la variante è stata trovata. Coetzee ha sottolineato che la variante omicron si era già probabilmente diffusa in quei paesi quindi bollando come inutili tali restrizioni.

Non c’è bisogno di farsi prendere dal panico’’. Così il ministro della Salute Joe Phaahla ha parlato, nel corso di una conferenza stampa in Sudafrica, dell’emergere della nuova variante del coronavirus. Secondo il ministro, inoltre, sono ’’ingiustificati’’ i divieti di viaggio con l’Africa australe imposti da alcuni Paesi. Phaahla ha quindi ricordato il lavoro degli scienziati per stabilire se la variante è più trasmissibile e se può o meno eludere i vaccini attuali. ’’Ci stiamo confrontando con i leader dei Paesi che hanno imposto divieti di viaggio’’, ha detto. ’’Vogliamo ringraziare i nostri scienziati che ci permettono di conoscere il nemico e capire come affrontarlo’’, ha aggiunto.