Con le vacanze alle porte tanti italiani si indebitano

21 Giugno 2019, di Alessandra Caparello

L’estate è ormai alle porte e con essa la voglia di vacanze, momento irrinunciabile per gli italiani che pur di godersi le ferie chiedono un prestito per fronteggiare i relativi costi. Secondo le stime di Facile.it e Prestiti.it, infatti nei soli primi 5 mesi del 2019 sono stati erogati oltre 72 milioni di euro in prestiti personali destinati a coprire le spese legate alle vacanze.

L’importo medio richiesto si aggira sui 5.291 euro ma il dato rilevante che emerge dalla ricerca è che si ricorre al prestito non necessariamente per la vacanza della vita, quella dal costo proibitivo, ma anche per viaggi di valore notevolmente inferiore rispetto al passato. Un altro dato è significativo; nonostante il calo degli importi medi richiesti, i piani di ammortamento si sono allungati, passando da 45 a 51 rate (vale a dire poco più di 4 anni).

Sono per lo più i giovani a chiedere un prestito. In generale, chi si rivolge ad una società di credito in Italia ha, in media, più di 43 anni, ma quando si tratta di prestiti per le vacanze l’età media dei richiedenti scende al di sotto dei 39 anni. A presentar domanda di prestito è stato nel 76% dei casi un uomo, mentre lo stipendio medio dichiarato in fase di richiesta è pari a 1.750 euro, anche se permangono le differenze tra il campione maschile, che in media dichiara uno stipendio di 1.862 euro e quello femminile, con un reddito mensile di 1.361 euro.

Per quanto riguarda la posizione lavorativa dei richiedenti, il 61% è un dipendente privato a tempo indeterminato, il 10% un lavoratore autonomo o libero professionista.