Paradisi fiscali per ricconi: con flat tax “Italia rivale di Londra e Svizzera”

13 Marzo 2017, di Redazione Wall Street Italia

Fa discutere la flat tax attira ricconi proposta ai cittadini stranieri che decideranno di spostare la loro residenza in Italia. L’imposta di 100 mila euro sui redditi esteri, che fa parte della legge di Bilancio ed è stata attuata con un dispositivo dell’Agenzia delle Entrate, ha diviso l’opinione pubblica e gli esperti, come ricorda Raffaele Ricciardi sull’edizione cartacea odierna di La Repubblica. L’intento è quello di aprire le porte ai capitali stranieri, ma non è per tutti una notizia positiva.

“Per alcuni è un segnale positivo per la competitività fiscale dell’Italia e la capacità di attrarre patrimoni e attività in grado da fare da volano all’economia. Per altri è una mancetta“, scrive il giornalista sul quotidiano. Secondo Stefano Simontacchi, managing partner dello studio BonelliErede, non si tratta di una mancia: “dobbiamo competere con i Paesi che da anni attirano capitali e risorse“, come Londra e Svizzera.

Di seguito gli highlight tratti dall’intervista del legale al quotidiano sul tema del controverso provvedimento dell’Agenzia dellE Entrate:

Stefano Simontacchi, managing partner di BonelliErede: è una norma giusta?

Sono a favore di questa norma. Dobbiamo partire da una considerazione di scenario che alcuni dimenticano: gli Usa di Donald Trump saranno molto aggressivi dal punto di vista fiscale per attirare investimenti e patrimoni. Si va verso una agevolazione favorevolissima perché le multinazionali riportino in US l’enorme cassa che hanno fuori dagli States. Ma non solo.

Continui.
Vicino a noi, la Gran Bretagna sarà altrettanto attiva nell’usare la leva fiscale per diventare attraente – più di quanto già lo sia – dopo Brexit. Cina e altri Paesi si risponderanno a tono. E in Europa cosa faremo?

Abbiamo vincoli che ci siamo auto-imposti, più di ogni altro. E pure ci sono giurisdizioni, come quella olandese, molto attrattive. Noi dobbiamo decidere: se vogliamo attirare investimenti, dobbiamo competere.

E come ci stiamo giocando questa partita?

L’Italia è il Paese più bello d’Europa: ha le sue carte da giocare per attirare ricchi imprenditori a venire in Toscana, o Sardegna. Ipotetiche residenze che certo possono competere con Londra e con i cantoni svizzeri.

Oltre alla Dolce vita, lo sconto sul 730. Crede avrà successo?

Non ne sono così sicuro. Certo, ci sono aspetti significativi nella norma, oltre all’imposta forfetaria da 100mila euro. Le esenzioni sulle imposte di successione e donazione dei beni all’estero consentono una buona pianificazione generazionale per chi si sposterà in Italia. Ma servono ulteriori passi: chiarezza nel trattamento dei Trust e dei vincoli di destinazione, per cominciare.

Quanto fatto potrebbe dunque non bastare a spostare i Paperoni da noi?

La tassa “flat” non serve a molto, se non è inserita in un sistema Paese credibile. Mi creda, un ricco imprenditore potrebbe venire ben volentieri a vivere in Toscana. Poi magari i suoi legali gli farebbero notare che da noi le norme cambiano spesso, che non c’è ancora un ambiente cooperativo e di certezza del diritto. Su questo terreno, purtroppo, siamo indietro decenni rispetto ai sistemi di Svizzera o Regno Unito, che hanno tradizioni lunghissime e che gli investitori percepiscono come solide e sicure.

E che impegni chiederemo a questi super ricchi?

Dovranno essere residenti, portare da noi i loro interessi. E’ vero che offriamo un regime fiscale attrattivo. Ma serve un passo ulteriore: creare le condizioni perché si spostino i loro affari, le loro holding. Ho fatto una mia proposta: fare dell’Italia l’hub mondiale per gli investimenti verso l’Africa. Chiaramente una singola norma del genere, per quanto ben congegnata, non può bastare. Bisogna fare sistema con un obiettivo chiaro e condiviso.

Cosa risponde a chi definisce la misura una ennesima mancetta?

Non lo è, si percepisce la volontà di impostare la tematica fiscale in modo diverso. Diciamo che è una “mossa strategica obbligata”. C’è voglia di fare qualcosa per attrarre investimenti, ma serve un disegno strategico più profondo.

E cosa ne è dell’equità fiscale?

È un tema. Serve una linea politica di sistema di lungo termine. va bene porsi il tema dell’equità di questa norma ma come la mettiamo con i 200 miliardi di nero stimati da Banca d’Italia e con il fatto che nessuno porta avanti se non l’abolizione una fortissima limitazione all’uso del contante? In ogni caso, qualche problema potrebbe esserci. È difficile giustificare il trattamento di favore a un italiano che ha redditi esteri tassati ordinariamente. Il rischio è che si crei un caso e riparta la polemica. Che andrebbe risolta una volta per tutte, rispondendo come sistema unito alla domanda: vogliamo competere con Londra e gli altri? Se sì, dobbiamo prendere queste decisioni.

Stefano Simontacchi con il pres. IEA Achille Colombo Clerici