Citigroup non passa gli stress test della Fed. Titolo -5%

27 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI0 – I requisiti di capitale di Citigroup non sarebbero sufficienti in caso di nuovo shock economico finanziario.

Lo scrive Bloomberg.

Il piano di liquidità dell’istituto di credito è stato tra i cinque che non hanno passato gli stress test della Federal Reserve, mentre Goldman Sachs e Bank of America hanno superato la prova solo dopo aver ridotto i dividendi accordati agli investitori e la portata dei piani di buyback.

Il risultato dimostra che le banche fanno ancora fatica a rispettare i requisiti di capitale richiesti e che in caso di nuova crisi potrebbero trovarsi costrette a chiedere aiuti esterni.

Per alcune società potrebbe essere troppo presto per tornare ad alzare le cedole – pari a oltre $60 miliardi – e avviare piani di acquisto di azioni proprie.

La Fed ha annunciato che 25 dei 30 istituti presi in esame sono stati promossi.

Insieme a Citi, anche le filiali Usa di Royal Bank of Scotland, HSBC Holdings e Banco Santander SA, sono state bocciate.

La banca centrale Usa è preoccupata per la qualità dei loro piani di capitale.

Da parte sua, come previsto Zions Bancorporation non ha superato il test perché in una simulazione del peggiore scenario possibile, i suoi livelli di capitale sono scesi sotto la quota minima richiesta dalla Fed.

Sotto pressione il titolo Citigroup, che cede -5,24% circa a $47,52 dollari.