Cipro: controlli capitali flop. Fuga dalle banche

30 Maggio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – I controlli sui capitali imposti a Cipro – che secondo alcuni potrebbero durare anni, come in Islanda – successivi alla decisione di imporre il prelievo forzoso su alcuni conti bancari, si stanno rivelando un vero e proprio flop.

A dirlo sono gli stessi numeri che arrivano dalla Banca centrale di Cipro: basti pensare che soltanto nel mese di aprile i flussi di denaro in uscita dal sistema bancario cipriota, come mostra il grafico, sono stati pari a 6,4 miliardi di euro, un ammontare record, che corrisponde al 10% dell’intera base di depositi della nazione. E tutto questo è accaduto soltanto in un mese.

I controlli sono stati imposti proprio per evitare la fuga di capitali, e per assicurare che la liquidità rimanesse nelle casse delle banche, nonostante il prelievo forzoso imposto ad alcuni correntisti.

I politici europei hanno brindato dunque troppo presto, rassicurati dai dati di marzo, quando i flussi in uscita furono decisamente inferiori, pari a 3,8 miliardi di euro.

Ma chi è che sta scappando a gambe levate da Cipro? A ritirare i depositi sono stati sia gli abitanti dell’isola – per un ammontare di 3 miliardi di euro – sia i “residenti non euro”, ovvero i russi, che hanno prelevato una somma di 3,1 miliardi ad aprile, corrispondente al 16% dei depositi che possiedono nell’isola: un’isola che, si può dire, nonostante gli aiuti e le dichiarazioni di vittoria dei leader europei, è di fatto insolvente.

LEGGI ANCHE

Cipro: come confiscare $32 trilioni di beni offshore.

Schaeuble senza ritegno: “Prelievo forzoso Cipro diventi modello per l’Europa”.

“Insolvenza Cipro: rischio per Italia e Spagna”.

“Insolvenza Cipro: rischio per Italia e Spagna”.

Cipro caso isolato? No: Ue vuole imporre perdite ai correntisti.

Cipro: camion carichi di euro nella notte, riaprono le banche.

Post Cipro: gli investimenti più sicuri e la banca italiana da evitare.