Cinque lezioni su come diversificare il proprio portafoglio

22 Gennaio 2020, di Alessandra Caparello

Diversificazione è la parola chiave quando si vuole ridurre il rischio e migliorare i rendimenti complessivi del proprio portafoglio. Ma anche se molti di noi conoscono questo mantra a memoria, non riusciamo ad applicarlo con successo nella vita reale. Per comprendere e applicare meglio il concetto di diversificazione al vostro portafoglio, l’emittente Cnbc ha stilato ecco alcuni semplici consigli da seguire.

“Possiedo una varietà di azioni, quindi questo deve significare che sono ben diversificato”.

Tale affermazione è sbagliata. Diversificare non significa avere una varietà di azioni – probabilmente avete bisogno anche di altri prodotti d’investimento, come obbligazioni, liquidità o equivalenti, ETF o opzioni.

Questo perché ogni classe di attività ha caratteristiche e vantaggi diversi, come profili di rischio/rendimento diversi, costi e orizzonti temporali che possono aiutare a gestire il rischio complessivo. Il consiglio è di puntare alla diversità anche all’interno di ogni asset class, ad esempio, detenendo azioni in vari settori e industrie.

“L’economia è talmente globalizzata che non è più necessario avere un’esposizione internazionale”.

Anche tale affermazione è sbagliata. Sebbene la globalizzazione e i crescenti livelli di ricchezza globale abbiano ridotto in una certa misura la variazione tra la performance degli asset internazionali e quella degli asset domestici, avere un’esposizione internazionale è ancora fondamentale. I titoli dei mercati emergenti possono ancora generare maggiori guadagni in alcuni casi, e la tempistica delle recessioni e dei recuperi varia ancora da una nazione all’altra.

“Anche se ho già creato un portafoglio diversificato, devo pensare a diversificare regolarmente”.

Tale affermazione è giusta.

Giusto. Riequilibrare regolarmente il vostro portafoglio per mantenere la diversificazione ideale è fondamentale.

Non dimenticate che i tempi cambiano, così come cambiano le vostre priorità e i prodotti d’investimento sul mercato. Rimanete al passo con i nuovi sviluppi e assicuratevi che le vostre scelte rispecchino le vostre nuove conoscenze e quali siano oggi i vostri obiettivi.

“Posso diversificare il mio portafoglio da solo”.

La risposta in tal caso è forse. E’ utile affidarsi alla tecnologia per rintracciare il vostro portafoglio e diversificare.

“Possiedo un fondo target-date. Non è sufficiente?”

Forse. Ma non date per scontato che un fondo comune d’investimento o un ETF sia un’assicurazione di diversificazione sufficiente.