Cina pronta a investire 10 miliardi in infrastrutture Ue

13 Luglio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La Cina potrebbe investire fino a 10 miliardi di euro nel Fondo europeo per gli investimenti strategici (EFSI) voluto dal presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker. Lo riporta l’agenzia Reuters, citando fonti vicine alle trattative secondo cui la decisione finale dipenderà dal risultato finale di una serie di accordi per dare alle società tecnologiche cinesi un ruolo più importante in Europa.

Se confermato, l’iniziativa rappresenterà l’ultimo tentativo della Cina di dar forma a una governance economica globale alle spese degli Stati Uniti dopo la creazione di una Asian Infrastructure Bank (AIIB) cui hanno preso parte la maggior parte dei Paesi Ue.

Stando sempre all’agenzia, il primo ministro Li Keqiang avrebbe in mente di contribuire al fondo europeo con l’obiettivo di rafforzare il ruolo di Pechino come economia avanzata e non solo la fabbrica del mondo.

L’ impegno di investire nel fondo europeo, mira a invertire il drammatico calo degli investimenti europei dal momento che la crisi finanziaria globale del 2008. (mt)