Cina, J.P. Morgan taglia le previsioni di crescita

15 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

La banca d’affari statunitense J.P. Morgan ha tagliato oggi le sue previsioni sulla crescita economica in Cina a causa delle continue restrizioni imposte per il coronavirus. Le esportazioni sono scese inaspettatamente a ottobre per la prima volta da maggio 2020. I produttori cinesi, che dominano il commercio globale, non erano riusciti a ottenere la tipica impennata prenatalizia durante l’estate. Ora, è in dubbio anche il consueto aumento delle spedizioni di fine anno che arriva quando i clienti esteri caricano gli ordini prima della pausa del capodanno cinese a gennaio-febbraio. Inoltre, un calo di quasi il 12% dello yuan rispetto al dollaro finora quest’anno non ha potuto impedire la contrazione delle esportazioni.

J.P. Morgan ha abbassato le sue proiezioni sulla Cina già diverse volte quest’anno e l’ultima mossa ha ridotto le previsioni del quarto trimestre al 2,4% su base trimestrale dal 5,2% precedente e ha abbassato le previsioni per l’intero anno al 2,9% dal 3,1% precedente. La banca ha anche ridotto le sue previsioni di crescita per l’intero anno 2023 al 4% su base annua, dal 4,5% precedente. “Il nostro scenario di base presuppone una riapertura graduale che inizierà la prossima primavera”, hanno affermato gli analisti di J.P. Morgan, riferendosi alle restrizioni legate al coronavirus.