Cina compra un altro pezzo di Italia: la casa di moda Krizia

25 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Dopo Bulgari, Fendi, Pucci, Loro Piana (in mano ai francesi di Lvmh) se ne va un altro pezzo del made in Italy: il gruppo Krizia finisce in mano cinese. La societa’ fondata da Mariuccia Mandelli annuncia di avere trovato un accordo per il trasferimento della proprietà a Shenzhen Marisfrolg, gruppo di moda cinese attivo nel mercato asiatico del pret-à-porter di fascia alta. L’acquisizione verrà completata entro aprile 2014. Il debutto della sua prima collezione è atteso a Milano Moda Donna nel febbraio del 2015.

A febbraio 2005 il debutto della prima collezione a Milano Moda Donna

Fondato nel 1993 da Zhu ChongYun, (che ora ricoprirà il ruolo di presidente del Board e direttore creativo della casa di moda milanese) il gruppo cinese è una delle 100 più importanti società di moda cinesi con la più alta quota di mercato nel pret-à-porter di fascia alta. nel 2012, Zhu ChongYun figurava al 349esimo posto nella classifica dei cinesi più ricchi per Forbes e tra le 25 cinesi più influenti nella moda.

Il piano di espansione del gruppo

“Nei prossimi cinque anni – si legge in un comunicato stampa pubblicato sul sito della casa di moda – la società prevede di aprire nuovi negozi a insegna Krizia a Pechino, Shangai, Guangzhou, Shenzhen e Chengdu e di riaprire gradualmente i punti vendita nelle più importanti città in Europa, Giappone e Stati Uniti”.

L’esordio nel 1964

Risale al 1964 la prima sfilata di Mariuccia Mandelli, che prese in prestito lo pseudonimo Krizia dal dialogo di Platone sulla vanità femminile e che si aggiudicò il premio ‘Critica della moda’; bergamasca, classe 1925, è stata nominata commendatore della Repubblica nel 1986.
(RaiNews 24)