Caso tangenti, India cancella commessa Finmeccanica

19 Novembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Alla vigilia di un incontro tra funzionari del ministero della Difesa indiano e rappresentanti dell’azienda, il governo di New Delhi avrebbe deciso di cancellare la commessa da 560 milioni di euro per 12 elicotteri AW101 della Agusta Westland, società del gruppo Finmeccanica su cui nei mesi scorsi era esploso uno scandalo per accuse di corruzione. A riportarlo è “The Economic Times”, che cita varie fonti anonime.

Il tutto ruota intorno ad una questione che ha creato imbarazzi per il governo indiano in vista delle prossime elezioni. In febbraio l’India aveva congelato il pagamento del contratto dopo l’inchiesta per presunte tangenti pagate per aggiudicarsi la commessa.

Il 4 ottobre scorso la societa di Finmeccanica aveva invocato l’arbitrato internazionale sulla vicenda e domani è in programma un incontro bilaterale sulla controversia. L’appuntamento per ora non è stato cancellato e coincide anche con la presenza a New Delhi dell’inviato del governo per la questione dei marò, Staffan de Mistura.

Alle notizie uscite sulla stampa, Finmeccanica replica con un “No comment”. Al momento, comunque, ad AgustaWestland non sarebbero arrivate comunicazioni ufficiali da parte del governo indiano.

La società di Finmeccanica ha sempre negato ogni irregolarità nella procedura di assegnazione della commessa. Finora solo tre velivoli sono stati consegnati alle forze armate indiane. Il 23 ottobre il ministero della Difesa indiano aveva inviato alla AgustaWestland una nota in cui annunciava il proposito di cancellare il contratto da 560 milioni di euro con la giustificazione che era stata violato il patto di integrità. All’azienda era stato dato un termine di 21 giorni per rispondere al sollecito scritto.

Se confermata a livello ufficiale, secondo i media indiani la cancellazione del contratto rimetterebbe in gara le aziende concorrenti che erano state escluse, e cioè Sikorsky Aircraft, Eurocopter e Lockheed Martin. (Rainews)