Casa Bianca, donna tenta di sfondare barriera: uccisa [VIDEO]

4 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

WASHINGTON (WSI) – Identificata la donna che ha cercato di sfondare la barriera di protezione della Casa Bianca con un’auto, una Infiniti nera, con targa del Connecticut, uccisa poi dalle forze dell’ordine.

Il suo nome è Miriam Carey, 34 anni, originaria dello stato del Connecticut.

I servizi segreti e la polizia hanno cercato di bloccarla davanti ai cancelli della Casa Bianca, pensando fosse un atto di terrorismo, un killer suicida, poi la donna con una rapida manovra e’ fuggita ad alta velocita’, ha fatto 2 miglia sui vialoni di Washington, la polizia l’ha inseguita e crivellata di colpi a pochi metri dal palazzo di Capitol Hill, il Congresso degli Stati Uniti.

Michael McCaul, presidente della Commissione alla Camera della Sicurezza nazionale, in un’intervista rilasciata alla Cnn, ha affermato di credere che la donna avesse problemi mentali. “Ho appreso questo da diverse fonti, che hanno detto di pensare che avesse qualche problema psichiatrico”, ha riferito. McCaul ha confermato che la bambina di un anno che si trovava nel veicolo era sua figlia.

Da notare che il DRAMMATICO VIDEO QUI SOTTO pubblicato in Italia da WSI (tratto da CNN) e’ di AlHurra, una TV dell’Iraq.

____________________________________

Situazione di emergenza a Washington. Al palazzo del Congresso Usa, il Campidoglio, sono stati sparati vari colpi di arma da fuoco. Possibile atto di terrorismo, oppure di un folle, la polizia ha comunque bloccato tutte le strade intorno a Capitol Hill e ha ordinato a dipendenti e politici (senatori e deputati) di non lasciare il palazzo. Il divieto e’ stato in vigore 20 minuti.

E’ possibile pure che la sparatoria sia opera di un impiegato senza stipendio, per lo shutdown, e cioe’ per la chiusura dell’amministrazione e del governo Usa, scattata l’1 ottobre per l’intransigente opposizione (repubblicani di estrema destra, Tea Party) alla riforma sanitaria di Obama. Il 95% del personale al Congresso in questi giorni non lavora poiche’ l’amministrazione non ha i fondi per pagare gli stipendi. E sembra che anche la polizia coinvolta nelle sparatorie non abbia stipendio e lavori su base volontaria.

[ARTICLEIMAGE] Alla Casa Bianca e’ stato alzato il livello di sicurezza, ma la sede dell’amministrazione del presidente Barack Obama non e’ stata evacuata.