Cambi, il G8 chiede alla Cina più flessibilità

di Redazione Wall Street Italia
7 Maggio 2007 13:12

Il Gruppo degli Otto paesi più industrializzati intendono tornare a sollecitare Pechino affinché adotti una maggiore flessibilità nella politica sul cambio dello yuan. Lo scrive l’agenzia stampa Kyodo, secondo cui una bozza del comunicato del G8 di Heilegndamm a giugno scrive che i Paesi che regolarmente presentano un avanzo nei conti con l’estero, in particolare la Cina, dovrebbero adottare una politica di cambio flessibile e orientata al mercato.