Brexit, Le Maire: “Essere molli con Londra sarebbe suicidio UE”

26 Settembre 2018, di Alessandra Caparello

Un accordo anche se positivo sulla Brexit sarà un suicidio per l’Unione europea. A parlare in tali termini è il ministro francese dell’economia Bruno Le Maire secondo cui qualsiasi decisione che dia l’impressione di poter lasciare l’UE e di mantenere tutti i vantaggi possibile sarebbe la fine per Bruxelles.

“Se diamo l’idea di poter uscire dall’Unione europea e di mantenere tutti i benefici del mercato unico, allora è la fine dell’Europa. Mi spiace, per dirlo senza mezzi termini, ma quello che per noi è più importante del futuro del Regno Unito è il futuro dell’Europa, e quindi non prenderemo nessuna decisione che possa indebolire il futuro dell’Unione europea”.

Intanto arrivano ulteriori numeri sull’esodo dei lavoratori nel post Brexit. Sono 630 i posti di lavoro nel Regno Unito spostati o creati oltreoceano, finora in anticipo rispetto alla Brexit. A renderlo noto l’ultimo sondaggio realizzato dalla Reteurs secondo cui il numero di posti di lavoro che le istituzioni finanziarie con sede nel Regno Unito si attendono di spostare in caso di un hard Brexit è esattamente di  5.766 unità. Quasi tutte le società finanziarie che hanno risposto al terzo sondaggio di Reuters sulle mosse relative al personale legate alla Brexit hanno detto che mentre continuano a pianificare lo scenario peggiore, stanno spostando il minor numero possibile di posti di lavoro, sperando in un accordo politico dell’ultimo minuto che protegga l’accesso al mercato dopo che la Gran Bretagna lascerà l’Unione Europea il 29 marzo 2019. Per questo sondaggio Reuters ha contattato 169 banche, asset manager, assicuratori, agenzie di rating e scambi ha ricevuto risposte da 134, contro 119 del sondaggio di marzo. Il sondaggio è stato condotto via e-mail e telefono tra il 1 agosto e il 15 settembre. Novantasette delle aziende che hanno risposto hanno dichiarato che avrebbero dovuto trasferire personale o ristrutturare le loro attività a causa della Brexit, mentre per il resto non avrà alcun impatto e stanno ancora decidendo cosa fare o hanno rifiutato di commentare.