Borse, questo settore varrà presto zero

6 Luglio 2017, di Daniele Chicca

Il settore retail è uno di quelli messi peggio a livello di fondamentali in America: la concorrenza spietata di Amazon e dell’e-commerce sta infliggendo un duro colpo ai risultati dei gruppi di vendite al dettaglio come le catene di abbigliamento, penalizzando i titoli. I prezzi hanno già perso tanto in Borsa, ma proprio per questo scommettere sui nomi giusti potrebbe essere uno dei miglior investimenti contrarian che si possano fare al momento, secondo i gestori.

L’importante, tuttavia, è stare alla larga da grandi magazzini e catene di negozi americani: presto questo settore potrebbe infatti non valere più nulla. L’allarme per i rialzisti lo ha lanciato il chief equity investment officer di Eaton Vance, Eddie Perkin. “Bisogna stare attenti ai grandi magazzini. Stanno attraversando un periodo difficile e continueranno a fare fatica per via della minaccia di Amazon e in generale della debolezza del settore retail”, ha avvertito Perkin alla CNBC.

Sempre ai microfoni della CNBC, ma in un intervento precedente, Perkin ha precisato che “i titoli grandi magazzini alla fine varranno zero”. Il problema è principalmente che sono pieni di debiti e che hanno molte attività che stanno perdendo soldi”. Non un bel binomio per aziende che in effetti stanno chiudendo negozi e rivenditori per poter superare la crisi in corso.

Venerdì scorso Nordstrom ha annunciato la chiusura di un grande magazzino nella periferia di Washington D.C. Il rivenditore era relativamente recente, se si tiene conto che aveva aperto al pubblico meno di 15 anni fa. Altre due società in crisi, J.C. Penney e Macy’s, stanno chiudendo decine di negozi in tutto il paese.

.