Borsa Usa: Tesla, Netflix, Uber, i titoli preferiti dagli analisti

30 Settembre 2021, di Alessandra Caparello

Dai veicoli elettrici allo streaming, alcuni dei migliori analisti hanno recentemente espresso le loro ipotesi su questi cinque titoli quotati sulla Borsa Usa: Netflix, Tesla, Adobe, Uber e Autozone. Diamo un’occhiata e vediamo cosa hanno da dire alcuni dei migliori analisti.

Netflix, per analisti della borsa Usa il peggio è alle spalle

A causa della pandemia Covid-19, gli investitori avevano grandi speranze per Netflix, ma una crescita elevata in un trimestre può spesso significare un confronto difficile con quello successivo. Mentre l’azienda ha sperimentato una decelerazione nella crescita degli abbonati per tutto il 2021, Scott Devitt di Stifel Nicolaus crede che il peggio sia alle spalle. Devitt in particolare ha valutato il titolo come Buy e ha aumentato il suo target di prezzo a $650 da $580. L’analista rialzista prevede che il numero di nuovi abbonati acquisiti aumenterà durante la seconda metà dell’anno fiscale e inoltre, ritiene che la direzione internazionale di Netflix aiuterà ad espandere il suo mercato totale indirizzabile oltreoceano.

Il colosso dello streaming spenderà circa 17 miliardi di dollari in contenuti, e sta sperimentando alti livelli di coinvolgimento degli utenti. Inoltre, Devitt anticipa che Netflix è “vicino ad un periodo di generazione di flusso di cassa libero sostenuto, che dovrebbe consentire una lunga pista di creazione di contenuti autofinanziati, ridurre la necessità di finanziamenti esterni e consentire alla società di restituire il capitale agli azionisti”

AutoZone, il fai da te impazza

La pandemia di Covid-19 ha portato tra le varie conseguenze, con il lockdown che incombe, un boom del fai-da-te anche se aziende al dettaglio come AutoZone stanno ancora  registrando risultati positivi. L’azienda di ricambi auto ha recentemente battuto le stime di consenso di Wall Street sugli utili per azione di oltre il 20% e si prevede che abbia “più gas nel serbatoio” per il 2022. Zachary Fadem di Wells Fargo ha valutato le azioni come Buy, e ha aumentato il suo target di prezzo a $1.825 da $1.750.

L’analista a cinque stelle ha spazzato via le preoccupazioni di rallentamento e ha evidenziato i potenziali lati positivi dell’azienda tra cui l’apertura di altri 20 mega hub nel corso dell’anno fiscale 2022. Rialzista sulla società, l’analista ha detto che il prezzo delle azioni rimane attraente e che gli azionisti potrebbero essere ricompensati dalla futura crescita della società, che sarà anche sostenuta dal suo segmento nascente di vendita online.

Adobe

Per le aziende di software,  ora il nome del gioco è il cloud computing e quelle che si sono adattate con successo a questa nuova realtà stanno fiorendo, e Adobe non è da meno. Chiamata “pioniere di strumenti e servizi digitali creativi e di marketing” da Brian Schwartz di Oppenheimer & Co. l’azienda ha scalato fino alla sua attuale posizione vantaggiosa e redditizia nel suo mercato. Schwartz ha valutato le azioni come Buy, e ha aumentato il suo obiettivo di prezzo a $680 da $600.

L’analista rialzista ha definito Adobe una “storia di successo verificabile della piattaforma cloud” e ha dichiarato il suo ottimismo sulle sue prospettive. Questa positività è arrivata dopo i recenti risultati incoraggianti, che hanno superato le stime di consenso di Wall Street su diverse metriche chiave.

Tesla, il futuro è tra noi

Il mercato dei veicoli elettrici è ancora una porzione marginale dell’industria automobilistica complessiva, ma è sicuro che cambierà nei prossimi anni. Daniel Ives di Wedbush ha sostenuto che Tesla deve ancora compiere il suo grande passo globale, con molta più capacità di produzione in arrivo quest’anno. Ives ha ribadito un rating Buy sul titolo e ha assegnato un target di prezzo di 1.000 dollari per azione.

Anche se l’analista rialzista ha ammesso che esistono sfide normative cinesi che hanno pesato sul prezzo delle azioni negli ultimi due trimestri, l’analista prevede che si dissiperanno entro la fine dell’anno aggiungendo che fino a quando la Gigafactory di Berlino non sarà operativa, il fatto che l’Europa abbia i suoi veicoli Tesla spediti dalla Cina è un insostenibile “incubo logistico”. Un’altra difficoltà è stata la carenza globale di chip semiconduttori, che è stata un freno per la maggior parte del 2021 per la più grande industria automobilistica.

Mentre la concorrenza si sta riscaldando rapidamente, Ives si aspetta che Tesla rimanga in una posizione dominante rispetto alle altre aziende EV, prevendo che il mercato degli EV e dei veicoli autonomi crescerà dal 3% di oggi al 10% entro il 2025, con Tesla che beneficerà molto più di altre aziende di questo spostamento.

Uber: in ripresa dopo la pandemia

Anche se la mobilità in generale è stata ostacolata durante i giorni più gravi della pandemia di Covid-19, Uber è riuscita a sfruttare i suoi autisti di ridesharing come veicoli di food delivery e a mantenere la rilevanza.
L’analista Anmuth ha mantenuto il suo rating Buy sulle azioni e ha dichiarato un target di prezzo di 72 dollari. L’analista ha spiegato che i fattori che trascinano giù il prezzo delle azioni si stanno dissipando, e dovrebbero chiarirsi entro il quarto trimestre di questo anno fiscale. Questi includono gli ostacoli normativi, una scarsa offerta di piloti, e le preoccupazioni che circondano la sua capacità di produrre finalmente un profitto.