Borsa Usa: i titoli da comprare e da shortare

23 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Il Dow Jones prosegue la reazione dal supporto in area 17.620, archiviando la miglior settimana delle ultime 5 (+2.13%). Si riporta sopra la resistenza psicologica dei 5.000 il Nasdaq che archivia in rialzo tutte le 5 sedute settimanali.

È stata una seduta caratterizzata da un forte incremento della volatilità e dei volumi in concomitanza della scadenze tecniche delle quattro streghe. A stimolare gli acquirenti sono state le parole di Janet Yellen che mercoledi’ ha fatto capire di non avere fretta nell’alzare i tassi di interesse pur non dicendosi piu’ “paziente.

Ricordiamo che gli Stati Uniti adottano dall’8 Marzo come orario ufficiale l’ora legale, pertanto gli orari di apertura e chiusura dei mercati statunitensi saranno anticipati di un’ora rispetto all’attuale orario italiano adottato sino al 29 marzo 2015 (quando anche l’Italia adottera’ l’ora legale)

Fra i titoli del NASDAQ 100 interessanti, segnaliamo:

BROADCOM-A (BRCM.O) disegna una Long white che testa la resistenza chiave passante a 46.3$. Una chiusura superiore a questo livello, fornirà un significativo segnale rialzista

AMERICAN AIRLINES (AAL.O) prosegue l’incredibile rally che ha generato un apprezzamento del 19.3% nelle ultime 8 Sedute. I prezzi si riportano a contatto con i massimi assoluti a 56.2$: il superamento di questo livello, potrebbe calamitare nuovi acquirenti

FACEBOOK-A (FB.O) prosegue la corsa toccando nuovi massimi assoluti. I principali indicatori di breve in ipercomprato ci inducono ad attendere un rapido pull back in area 80$, al fine di individuare un punto di ingresso a più basso rischio
[ARTICLEIMAGE] 
Fra i titoli del DOW JONES 30 segnaliamo:

HOME DEPOT (HD.N) disegna una Long white che testa il bordo superiore che ingabbia i prezzi dal 24 Febbraio. La fuoriuscita dei prezzi da questo box (con il superamento di 118$) innescherà un violento movimento direzionale.

CHEVRON (CVX.N) mostra crescente forza relativa archiviando la settimana in rialzo del 5.32%. I prezzi dopo aver riconosciuto il supporto psicologico dei 100$, potrebbero tentare un allungo fino ai massimi di febbraio in area 113$.