Borsa Milano chiude sopra 15.100, volano le banche

17 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia

Milano – Azionario europeo ai massimi da aprile, con le borse che hanno cancellato le perdite dal 2012. Borsa Milano ha incrementato i rialzi nel pomeriggio, chiudendo sotto i massimi di seduta, dopo aver puntato anche verso quota 15.200, al massimo degli ultimi quattro mesi. Il paniere FTSE Mib ha guadagnato l’1,3% a 15.124,69 punti. Tra le altre piazze finanziarie europee Londra +0,23%, Francoforte +0,54%, Parigi +0,15%, Madrid +1,54% dopo l’oltre +4% di ieri. Indice di riferimento Eurostoxx 50 +0,5%.

La seduta è l’occasione per fare acquisti su titoli magari trascurati di recente, prendendo a pretesto notizie anche piccole riportate sui quotidiani o timidi rumor. “Il mercato è impostato al rialzo in questi giorni e si rincorrono diversi spunti”, dice a Reuters un trader di Piazza Affari.

Da ieri, poi, gli operatori guardano con favore alle notizie che arrivano da Madrid: la Spagna rende noto infatti che ben presto le sue banche riceveranno gli aiuti già stanziati nel piano da 100 miliardi di euro che è stato stilato dall’Unione europea. Per la prima volta in settimane, lo spread Spagna-Germania scende sotto quota 500 punti base.

Lo smorzarsi delle tensioni sui BTP e sui Bonos spagnoli è stato alimentato, nelle ultime settimane, anche dalla decisione del fondo di investimento numero uno al mondo, BlackRock, di puntare sui bond.

L’indice di riferimento Stoxx Europe 600 Index si appresta a concludere l’undicesima settimana consecutiva di rialzi – la fase di guadagni più lunga dal gennaio del 2006 -, e viaggia al record in cinque mesi. Lo Stoxx 600 è salito +0,8% nell’ultima settimana, sulla scia delle scommesse secondo cui le autorità europee alla fine interverranno per sostenere l’Eurozona, e il suo valore è in rally +16% dal minimo del 2012, testato lo scorso 4 giugno.

Tuttavia, non ci sono ragioni specifiche che avallano tutto questo ottimismo: a Bruxelles, in particolare, nessuno si illude sulla gravità dei problemi europei che persistono ancora. Il rischio default della Grecia torna a essere affrontato dalla stampa internazionale, visto che le casse di Atene sono vuote e, quanto è peggio, il governo di Antonis Samaras non riesce a mettere in atto quei tagli da 11,5 miliardi di euro che sono stati richiesti dalla troika come condizione per ricevere un’altra tranche di aiuti. E lo scudo anti-spread? Dopo le “celebrazioni” del meeting di fine giugno, non ne è rimasta neanche l’ombra e appare un piano andato a finire in fondo a un cassetto.

Guardando alle prossime sedute, “i mercati potrebbero attraversare una fase di consolidamento, con gli operatori che saranno cauti fino a quando non vedranno il via libera a nuove misure di stimolo”, ha commentato in una intervista a Bloomberg Jonathan Sudaria, dealer presso Capital Spreads, a Londra.

ALL’INTERNO DEL FTSE MIB – Molto bene i titoli bancari tra cui spicca il poderoso rally di MPS, (leggi rumor) , che chiude a +17,75%. Buy anche su Bper, BPM +5,41%, Banco Popolare, Intesa SanPaolo, Ubi Banca +6,33%, Unicredit. Mediobanca ha guadagnato ben il 5,89%. Altri titoli positivi Finmeccanica +10,97%, Exor, Fiat, Fiat Industrial e di nuovo Mediaset.

BTP – Spread Italia-Germania a 10 anni +0,8% a 428,33 punti base. Il tasso sui BTP decennali si riavvicina a quota 5,8%; tasso spagnolo -1,18% al 6,44%, scende grazie alle scommesse sull’arrivo imminente di aiuti alle banche iberiche testando il livello più basso dallo scorso 5 luglio. Vendite sui bund tedeschi, rendimenti +1,11% all’1,54%.

VALUTARIO – L’euro vira in rosso a quota $1,23; dollaro/yen +0,15% a JPY 79,44, mentre euro/yen +0,29%, a JPY 98,28. La moneta unica viaggia sul massimo delle ultime sei settimane nei confronti dello yen, beneficiando delle parole della cancelliera tedesca Angela Merkel, che ha difeso Mario Draghi e la Bce nei loro tentativi di risolvere la crisi dei debiti sovrani. Lo yen, dal canto suo, si appresta a soffrire la peggiore settimana di perdite in quasi due mesi, complice il rialzo dei rendimenti extra che gli investitori ricevono puntando sui Treasury rispetto ai titoli di debito nipponici.

MATERIE PRIME – Per terminare la panoramica sui mercati, riguardo alle commodities, i futures sul petrolio -0,47% a quota $95,15 al barile, mentre le quotazioni dell’oro a $1.619,30 l’oncia (+0,01%). Quanto ai Treasury, i rendimenti a 10 anni scambiano in calo all’1,833%.

HIGHLIGHT DI GIORNATA:

BlackRock aumenta esposizione sui BTP italiani.

L’ ottimismo dei mercati non illude nessuno.

“Crisi troppo estesa, impossibile uscita ordinata da euro”

Bce: presto poteri di controllo su tutte banche Eurozona?.

Finlandia: collasso Eurozona può fare del bene all’Ue.

Eurozona: A Giugno Surplus Bilancia Commerciale Sale A 14,9 Mld.

Spagna: Indice Vulnerabilita’ Banche Tocca Record Negativo 9,42%.

Crisi/ Ghizzoni: Da gennaio ci sarà un’inversione di tendenza.

Crisi: Ghizzoni, Italia Non Chiedera’ Aiuti. Ma Convinca I Mercati.

Crisi: Ghizzoni, Italia Non Chiedera’ Aiuti. Ma Convinca I Mercati.

Unicredit: Ghizzoni, Nessun Rischio Scalata Per Istituto.

Il dilemma della Fed: ancora contrasti per capire il da farsi.

Mediaset/ Nuova partenza sprint, titolo sale di circa il 5%.

Mercato colpito da momenti di euforia e panico privi di fondamentali.

Petrolio: in calo a 95,31 dlr a New York.

– L’indice Nikkei della Borsa di Tokyo termina la giornata con +69,74 punti (+0,77%) a 9.162,50 punti.

Borse Asia su: le parole della Merkel rassicurano.

Germania appoggia piano Bce di sostegno condizionato per l’euro.

Sudafrica: polizia spara e uccide 18 minatori in sciopero.

____________________________________

Il mercato è dominato dalle boiling room e sale trading come quella di JPMorgan Chase, dove scommesse fino a un leverage di $200 miliardi e guadagni (o perdite) di 5-6 miliardi sono la norma, nel portafoglio derivati su crediti sintetici. Quindi per vincere sulle lobby bancarie e per non essere continuamente manipolati vi invitiamo – trader, gestori e promotori finanziari della famiglia di WSI – ad essere più sofisticati, piu’ aggressivi, preparati, tecnici, e soprattutto flessibili in un mercato pieno di trappole ma anche di enormi opportunita’. Questo è il vostro spazio per operativita’, commenti flash e strategie di trading. Fatevi sotto.