BMW SMENTISCE JOINT VENTURE CON VOLKSWAGEN

15 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

La BMW ha smentito sabato di avere in corso trattative per intavolare una joint venture con la rivale tedesca Volkswagen. La notizia sarebbe stata giustificata, secondo alcune fonti, dal forte aumento delle perdite registrate dalla divisione Rover, il marchio inglese rilevato tempo fa da BMW.

Un portavoce della BMW ha smentito dunque seccamente un artcolo del settimanale Der Spiegel, in cui si sosteneva che un ”buco” record di 2,5 miliardi di marchi alla Rover avrebbe costretto la casa bavarese a intavolare un negoziato con l’obbiettivo di pianificare una qualche forma di joint venture tra le due piu’ importanti fabbriche auto della Germania.

Secondo fonti dell’ambiente automobilistico l’accordo piu’ probabilmente potrebbe riguardare uno specifico punto: e cioe’ che VW fornisca alla Rover la piattaforma (chassis) del prossimo modello Polo della Volkswagen.