Bitcoin segna nuovi minimi per il 2022: cosa ha causato il crollo

9 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

La realtà di una politica monetaria più restrittiva continua a farsi sentire in tutti i mercati, comprese le criptovalute, con il Bitcoin (BTC), che giorni fa aveva superato i 40.000 dollari, e ora crolla fino a 32.500 dollari.

Grafico giornaliero BTC/USD - Tradingview

Il Bitcoin ha perso il livello di supporto critico di $40.000 la scorsa settimana e non ha tenuto al di sopra dei livelli di supporto successivi a $38.000 e $35.800. Potrebbe scendere fino a $31.500 se i livelli attuali non dovessero resistere.

Le major delle criptovalute hanno seguito il calo di Bitcoin: Ether (ETH) ha perso l’5% nelle ultime 24 ore, mentre ADA (ADA) Cardano e SOL (SOL) Solana sono scese fino al 10%.

Le liquidazioni sui futures cripto hanno superato i 411 milioni di dollari nelle ultime 24 ore, secondo i dati. Di questi, circa 140 milioni di dollari provengono da futures Bitcoin e 121 milioni dollari da futures ether.

I ribassi iniziali del fine settimana di Bitcoin si sono affiancati a TerraUSD (UST) che ha perso il suo ancoraggio al dollaro. La caduta si è rafforzata domenica sera quando i mercati azionari asiatici e i futures sugli indici azionari statunitensi hanno aperto nettamente al ribasso, con i timori che continuano a crescere sulla risposta monetaria all’aumento dell’inflazione.

Il Nikkei giapponese ha chiuso la giornata in ribasso del 2,5%, lo Stoxx 600 europeo è sceso del 2% a mezzogiorno ei futures Nasdaq sono scesi dell’1,5%. Il dollaro USA, nel frattempo, continua a beneficiare dei mercati in preda al panico.

Gli analisti in precedenza avevano avvertito di un calo dei prezzi dei bitcoin se le prospettive economiche più ampie avessero continuato a peggiorare. “Al momento, i professionisti non stanno caricando attività di crescita ad alto rischio”, ha affermato Kurt Grumelart, trader del criptofund Zerocap.

Bitcoin sotto i $35.000

I dati hanno confermato il risultato decisamente ribassista per BTC/USD, che ha raggiunto $32.637 su Bitstamp.

Con l’ultima di una serie di perdite a maggio, la coppia ha continuato a scambiare sotto i $33.000 al momento della stesura, con una perdita settimanale del 15%.

Attualmente il livello a $30.000 costituisce un supporto molto importante e osservato dagli investitori, anche se alcuni credono che Bitcoin possa scendere a $25.000 o anche meno.

Questa settimana Dylan LeClair, che ha identificato il prezzo realizzato (Bitcoin Realized Price o Realized Price è il valore di tutte le monete al prezzo che sono state acquistate diviso per la quantità di BTC che è in circolazione) di Bitcoin, il totale al quale ogni moneta si è mossa per l’ultima volta, come un probabile obiettivo.

“Un calo del Bitcoin fino al suo prezzo realizzato (sulla base del costo medio della catena) è del tutto possibile ed è stato coerente con i precedenti minimi di mercato nei cicli di mercato ribassista”, ha affermato su Twitter.

“Il prezzo realizzato è di $ 24.300 al momento”, ha aggiunto.

LeClair ha aggiunto che una tale capitolazione sarebbe stata “improbabile” senza la debolezza dei mercati tradizionali. Quest’anno, tuttavia, è staro fornito proprio questo slancio.

Bitcoin ha visto un certo supporto intorno ai minimi del 2022, evitando finora un nuovo test più profondo dei livelli che non si vedevano dall’anno scorso.

“Abbiamo assistito a un sell-off di Bitcoin e del più ampio mercato dei token digitali poiché la prospettiva di un aumento dei tassi di interesse e di un contesto economico in deterioramento continua a pesare sugli asset rischiosi”, hanno detto gli analisti dell’exchange Bitfinex.

“In Europa, le azioni sono nettamente in ribasso, dopo che il Nasdaq ha registrato il suo più forte calo in un giorno da giugno 2020. Gli investitori che escono dalle posizioni potrebbero aggiungere un po’ di slancio alla protratta ondata di vendite a cui abbiamo assistito negli ultimi giorni”.