Bitcoin nella tempesta, per Taleb è un flop: “vale zero”

14 Luglio 2021, di Mariangela Tessa

Mentre il Bitcoin resta nella tempesta, si allarga il fronte dei critici nei confronti della regina delle valute digitali: Un nuovo attacco arriva da Nassim Nicholas Taleb, ex trader e autore di “The Black Swan” (Il Cigno nero)che ha fatto un vero e proprio retrofront sul token.

Se solo tre anni fa considerava il Bitcoin “una polizza assicurativa” contro il controllo del governo sulle valute, in un articolo pubblicato a fine giugno è arrivato a considerare “zero” il suo valore.

Bitcoin flop: per Taleb pochi asset sono stati più fragili

Secondo Taleb,  professore di risk engineering alla Tandon School of Engineering della New York University e consulente scientifico per Universa Investments, la più grande valuta digitale per capitalizzazione di mercato ha fallito nel suo tentativo di soddisfare la nozione di valuta senza governo, ma anche nel suo intento di essere una copertura contro l’inflazione e investimento sicuro.

“Pochi asset nella storia finanziaria sono stati più fragili del bitcoin”, ha affermato. Nel suo recente articolo, “Bitcoin, Currencies, and Fragility”, pubblicato alla fine di giugno, aggiungendo che il bitcoin vale “esattamente zero” alla luce delle grandi risorse necessarie  per mantenerlo in vita. Al contrario, “l’oro e altri metalli preziosi sono in gran parte esenti da manutenzione, non si degradano in un orizzonte storico”, ha affermato.

Volatilità alle stelle nell’anno del Covid

Il Bitcoin, creato nel 2008, è sempre stato volatile. Una tendenza accentuatasi nel 2020, l’anno della pandemia di Covid-19.

Taleb ha osservato che nel marzo 2020 il bitcoin ha segnato perdite superiori a quelle del mercato azionario, per poi riprendersi, come è successo per le azioni, grazie alla “massiccia iniezione di liquidità”. Questa è “una prova sufficiente che non può essere utilizzato come una copertura contro il rischio sistemico”, ha affermato.

Il prezzo del bitcoin è rimasto nella forchetta tra $ 32.000 e $ 36.000 per circa un mese, dopo aver toccato brevemente $ 40.000 a metà giugno. Nel frattempo, i volumi sono diminuiti di oltre il 40% nel giugno di quest’anno (CryptoCompare), mentre le quotazioni hanno toccato un minimo mensile di $ 28.908.