Bitcoin, la volatilità implicita suggerisce che la ripresa continuerà

25 Febbraio 2022, di Gianmarco Carriol

La rapida ripresa di Bitcoin dai minimi di un mese è sostenuta dagli investitori che affermano che è probabile che il rimbalzo continui. L’attività nel mercato delle opzioni suggerisce che potrebbero avere ragione.

Risorsa: Skew - Grafico volatilità impicita

I dati forniti dalla società di ricerca sui derivati ​​Skew mostrano che la volatilità implicita di una settimana di Bitcoin è balzata a un 75% annualizzato giovedì, superando gli indicatori a uno, tre e sei mesi, poiché l’invasione russa dell’Ucraina ha visto gli investitori scaricare asset rischiosi a favore dell‘oro e paradisi di valuta fiat.

La volatilità implicita del Bitcoin

La volatilità implicita si riferisce alle aspettative degli investitori per la turbolenza dei prezzi in un periodo specifico. Sebbene la metrica sia lungimirante, non dice nulla sulla direzione dell’imminente volatilità dei prezzi.

“La volatilità implicita a breve termine di Bitcoin che supera la volatilità implicita a lungo termine indica una probabilità di inversione del mercato”

ha affermato Robbie Liu, ricercatore presso il fornitore di servizi finanziari cripto Babel Finance.

“Una tendenza simile è stata osservata dopo il crollo del maggio 2021”.

La metrica è determinata principalmente dalla domanda di opzioni, che sono strumenti di copertura. In quanto tale, un pop nella volatilità implicita è considerato rappresentare l’incertezza e una struttura invertita, in cui la volatilità implicita a breve termine è maggiore degli indicatori a lungo termine, segnala il panico.

Storicamente, la struttura invertita ha segnato un minimo di prezzo.

La volatilità implicita di una settimana ha superato per l’ultima volta gli indicatori a lungo termine il 24 gennaio, quando il Bitcoin è sceso al minimo di sei mesi sotto i 33.000 dollari. La criptovaluta ha raccolto un’offerta il giorno successivo e ha raggiunto massimi superiori a $45.000 all’inizio di questo mese. Il sell-off di Bitcoin all’inizio di dicembre si è esaurito con l’indicatore di una settimana che è salito ben al di sopra della metrica di sei mesi.

Grafico volatilità implicita

Il minimo di fine settembre 2021 ($39.672) di Bitcoin e il minimo di maggio-giugno 2021 ($29.000) hanno coinciso con le aspettative di volatilità a breve termine che segnalavano il panico.

Se la storia è una guida, Bitcoin potrebbe aumentare il rimbalzo di giovedì da minimi inferiori a $34.500. Detto questo, la criptovaluta rimane vulnerabile alla rinnovata avversione al rischio nelle azioni.

“Questa è solo una ripresa a breve termine e non significa che BTC non scenderà al di sotto dei $ 34.000 a medio termine” ha affermato Liu.

Al momento Bitcoin veniva scambiato vicino a $39.000, rappresentando un guadagno dello 0,6% rispetto alla giornata. I futures legati all’S&P 500 sono stati scambiati in ribasso dello 0,5%.