Bitcoin in caduta libera, ma c’è chi vede rimbalzo fino a $30 mila

11 Luglio 2019, di Mariangela Tessa

La Fed affossa il Bitcoin. La regina delle criptovalute, che da inizio anno ha segnato un rimbalzo del 200%, scende in mattinata, spinta al ribasso delle preoccupazioni espresse dal governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, sul piano annunciato da Facebook di lanciare la criptovaluta Libra.

Secondo i dati CoinDesk, in mattinata, Bitcoin segna un calo del 12% a 11.300 dollari. Un valore ben al di sotto dei massimi toccati due settimane fa, quando la valuta digitale ha sfondato $ 13000, aggiornando i massimi da 17 mesi.

“La valuta digitale che Facebook intende lanciare nel 2020 solleva molte preoccupazioni serie  legate alla privacy e alla stabilità finanziaria”ha detto ieri Powell, nel corso della sua testimonianza semestrale al Congresso Usa.

Facendo riferimento a Libra, il numero uno della banca centrale Usa ha spiegato che la Fed ha creato un gruppo di lavoro per un coordinamento con altri regolatori per studiare la criptovaluta. Secondo lui, l’analisi di Libra dovrebbe avvenire all’insegna della pazienza, “non di corsa”.

Il successore di Janet Yellen ha tuttavia detto che la Fed è favorevole a una “innovazione responsabile” nel settore finanziario. Powell ha anche affermato che Facebook ha avuto un incontro con la banca centrale Usa prima di annunciare il lancio di Libra.

Nonostante le flessioni odierne, sono diversi gli esperti che vedono un futuro in crescita per le criptovalute. Tra questi Mark Yusko, ceo di Morgan Creek Capital Management, che, in un’intervista alla CNBC, ha affermato che le quotazioni di raggiungeranno quota 30.000 dollari. Primo step, verso nuovi massimi storici:  entro il 2021, il Bitcoin potrebbe raggiungere quota $ 100.000.