Bitcoin a $40.000, il sentiment si trasforma in “paura estrema”

15 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

Il mercato delle criptovalute ha continuato un secondo giorno al ribasso questo venerdì quando il Bitcoin si è attestato al di sopra del supporto fondamentale a $40.000.

Il Bitcoin viene scambiato vicino al livello di supporto a $40.000, che attraversa i minimi dei primi tre mesi dell’anno. L’attuale azione sui prezzi è, tuttavia, un segnale di allarme tra alcuni trader.

“Una rottura sotto il supporto sarà considerata un fallimento di tale livello e sarà da considerare la zona a $38.000“, ha scritto Alex Kuptsikevich, analista finanziario senior di FxPro, in una e-mail a CoinDesk. “La capacità di sviluppare un’inversione all’offensiva da questi livelli, al contrario rafforzerà l’importanza di questa moderata linea di tendenza al rialzo”.

Grafico 4 ore BTC/USD – 15 Aprile 2022

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia

Il Crypto Fear and Greed Index, un popolare indicatore del sentiment, ha suggerito “paura estrema” tra gli investitori in criptovalute quest’oggi, con una lettura a 22. Questo è in calo rispetto alla lettura della scorsa settimana di 37.

L’indice genera un unico numero compreso tra 1 e 100, con 1 che indica che il mercato delle criptovalute è in uno stato di estrema paura (il che significa che le persone stanno vendendo), mentre all’altra estremità dello spettro, 100 indica che il mercato sta subendo un livello estremo di avidità (il che significa che le persone stanno comprando).

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia

Gli analisti affermano che Bitcoin potrebbe vedere un’azione sui prezzi più instabile nei prossimi mesi

Le tensioni stanno scuotendo tutti i mercati e gli analisti sono molto incerti sul comportamento del mercato delle criptovalute da qua ai mesi a seguire.

“Bitcoin è stato venduto duramente durante il quarto trimestre dello scorso anno, ma poi durante il primo frame del 2022 ha subito un periodo di trading relativamente privo di direzione”, ha spiegato a CoinDesk Paul Robinson, stratega di DailyFX.

“La contrazione dell’azione sui prezzi negli ultimi tre mesi potrebbe continuare a rendere le cose ancora più difficili nel breve termine, ma data la natura della volatilità (in espansione/contrazione) e il fatto che si tratta di Bitcoin, è probabile che la volatilità aumenti di nuovo mentre ci dirigiamo verso la metà dell’anno”, ha aggiunto Robinson.