Bill Gates: il mio investimento più vincente non è in tecnologia

18 Gennaio 2019, di Alberto Battaglia

“Quando ho compiuto il passaggio dalla mia prima carriera in Microsoft alla mia seconda vita nella filantropia, non pensavo che il mio tasso di successo sarebbe cambiato molto. … Scoprire un nuovo vaccino, immaginavo, sarebbe stato altrettanto difficile come scoprire il prossimo unicorno tecnologico. Ma vaccini sono molto più difficili, invece”.

Bill Gates ha condiviso con il Wall Street Journal una serie di considerazioni sul valore degli investimenti con finalità filantropiche, con un finale a sorpresa. Un certo tipo di investimento “diversamente da quelli in nuovi vaccini o nelle tecnologie, ha percentuali di successo molto elevate. Quale?

“Le persone del settore sanitario lo chiamano ‘financing and delivery’“, ha risposto il fondatore di Microsoft, noto come uno degli uomini più ricchi del mondo. Si tratta del settore che investe in società incaricate di far arrivare a destinazione farmaci e supporti medici nelle zone nelle quali sono necessarie, spesso “villaggi remoti e zone di guerra”.

La Fondazione Bill e Melinda Gates ha investito 10 miliardi di dollari in tre organizzazioni di nuova creazione per questo compito. Secondo un think tank, il Copenhagen Consensus Center, i benefici sociali ed economici di questo investimento sono stati di 200 miliardi di dollari.

Se avessimo investito 18 anni fa nello S&P 500, con la promessa di donare i proventi ai Paesi in via di sviluppo oggi, ha calcolato Gates, sarebbero stati ricavati al massimo 17 miliardi (reinvestendo i dividendi) ai 1o miliardi iniziali. Insomma, molto meno dei 200 miliardi calcolati dal think tank citato dallo stesso fondatore di Microsoft. Nemmeno l’investimento in infrastrutture nei Paesi del terzo mondo avrebbe prodotto gli stessi benefici, secondo Gates (stimandoli a 170 miliardi, sempre partendo dai 10 investiti).
“Istituzioni come Gavi, Global Fund e GPEI sono le cose più si avvicinano a scommesse sicure per alleviare la sofferenza e salvare vite umane. Sono i migliori investimenti che Melinda e io abbiamo fatto negli ultimi 20 anni, e sono alcuni dei migliori investimenti che il mondo possa fare negli anni a venire”.