Bernanke: economia USA a rischio deflazione, Fed pronta a intervenire

15 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La crescita economica statunitense è meno forte di quanto atteso a causa di un rallentamento della ripresa. L’econonomia dovrebbe migliorare nel 2011, ma in caso di necessità la Federal Reserve è pronta a fornire più supporti. Lo ha affermato il Presidente della Federal Reserve Ben Bernanke parlando presso la FED Conference di Boston in tema di “Revisiting Monetary Policy in a Low Inflation Environment (revisione della politica monetaria in condizioni di bassa inflazione)”. ¶ A proposito di interventi di stimolo, il numero uno della banca centrale ha specificato che prima di qualsiasi mossa dovranno essere analizzati i costi e i benefici, mostrando un approccio cauto circa il possibile acquisto di bond. Niente di buono dal fronte occupazionale è emerso dalle parole di Bernake, ma neanche da quello dei prezzi al consumo. Gli Stati Uniti, ha fatto capire il Presidente, corrono un rischio di deflazione più alto di quanto stimato in precedenza. La situazione di prezzi al consumo bassi, inoltre, potrebbe perdurare nel tempo così come l’elevato tasso di senza lavoro.