Berlusconi è già stato condannato

30 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – L’attesa per la sentenza è in buona parte ipocrita, perché Silvio Berlusconi è stato già condannato in primo grado e in appello. La Corte Suprema di Cassazione non entra nel merito della sentenza, limitandosi a valutare rispetto delle norme e procedure.

Berlusconi è già stato condannato a quattro anni per evasione fiscale e a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici. In qualsiasi altro paese non farebbe più politica. Oltretutto ha molti altri processi pendenti. Eppure sta sempre lì. Da vent’anni. Grazie agli italiani che lo votano e grazie al Pd (e predecessori: que viva Violante) che lo ha sempre tenuto in vita. Anzitutto adesso.

Nel centrodestra sono sicuri del rinvio di un mese. Anche ammesso che venisse confermata la condanna, sono certi che il governicchio Letta andrebbe avanti (come ha ordinato Berlusconi nella solita intervista rilasciata a Libero e poi smentita) e che in qualche modo Napolitano e centrosinistra organizzerebbero una sorta di amnistia ad personam.

Nel caso peggiore, molto poco probabile, Berlusconi è pronto ad affidarsi alla figlia Marina come megafono e portavoce.

E nel Pd? L’attesa è vissuta con grande nervosismo. Ciò che più innervosisce è proprio la conferma della condanna: “Il Pd non reggerebbe l’urto e salterebbe come un birillo”, dice Ugo Sposetti. Gli unici a “sperare” in una conferma della condanna sono quelli di Occupy Pd: “Alle volte è difficile non dare ragione a Grillo. Pd sveglia”.

Santanché promette guerriglia, Biancofiore promette guerriglia. E Letta, beato lui, è “sereno”.

Berlusconi non andrà comunque in galera. Glielo impediscono – toh, che coincidenza – le norme che escludono la detenzione in carcere per gli ultrasettantenni. In caso di condanna definitiva, la prospettiva sarebbe quella dell’affidamento in prova ai servizi sociali. Se li rifiutasse, rischierebbe al massimo gli arresti domiciliari.

La Sezione Feriale della Cassazione che deciderà il suo futuro può scegliere tra il rinvio di un mese (con rischio prescrizione); la condanna, l’assoluzione e l’annullamento del procedimento con nuovo processo (e prescrizione certa). Berlusconi non ha troppi motivi di essere pessimista. Nessuno dei cinque giudici è una toga rossa. Al contrario, è una Sezione fortemente e dichiaratamente conservatrice.

Il relatore sarà Amedeo Franco, il presidente Antonio Esposito (padre del Pm Ferdinando, noto anche per le cene private con Nicole Minetti). Non è “rosso” nemmeno il rappresentante della Procura della Cassazione, Antonio Mura, braccio destro del procuratore generale Gianfranco Ciani e uomo di punta di Magistratura Indipendente, la corrente di destra delle toghe (di cui è stato anche presidente). E non sono “rossi” gli altri tre giudici a latere: Claudio D’Isa, Ercole Aprile e Giuseppe De Marzo.

La sensazione è che il Partito Unico vincerà anche stavolta, domani o tra un mese, e l’Italia perderà un altro treno per raggiungere un livello minimo di decenza. Buona catastrofe.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato sulla sua pagina Facebook da Andrea Scanzi – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Andrea Scanzi (Facebook). All rights reserved