Bce: contrazione del Pil Eurozona fra il -5 e il -12% a fine anno

30 Aprile 2020, di Alberto Battaglia

Il Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea, come previsto dagli analisti, ha lasciato invariati i tassi d’interesse di riferimento. Invariato anche il volume degli acquisti di titoli nell’ordine dei 20 miliardi mensili per la parte relativa al Qe e a 120 miliardi per quanto attiene al Pepp. Riguardo a quest’ultimo piano di acquisti temporanei (che si concluderanno nel 2020) la Bce ha affermato di essere “preparata a incrementare la dimensione” di questo programma, attualmente da 750 miliardi euro, “nella misura in cui sarà necessario e per il tempo di cui ci sarà bisogno”.

Viene, però, disposto un ulteriore alleggerimento delle condizioni delle Tltro, attraverso le quali le banche possono finanziarsi presso la Bce con prestiti a tassi negativi.  “In particolare, il Consiglio direttivo ha deciso di ridurre il tasso di interesse sulle operazioni Tltro III nel periodo da giugno 2020 a giugno 2021 a 50 punti base al di sotto del tasso di interesse medio sulle principali operazioni di rifinanziamento dell’Eurosistema prevalenti nello stesso periodo”.

Un nuovo strumento le Peltro

L’acronimo sta per “non-targeted pandemic emergency longer-term refinancing operations”: questo nuovo piano di finanziamenti per il sistema bancario è la principale novità annunciata nell’ambito delle decisioni odierne del Consiglio direttivo. Le Peltro “saranno condotte per sostenere le condizioni di liquidità nel sistema finanziario dell’area dell’euro e contribuire a preservare il regolare funzionamento dei mercati monetari fornendo un efficace sostegno di liquidità”, si legge nel comunicato della Bce. “Esse consistono in sette ulteriori operazioni di rifinanziamento che iniziano nel maggio 2020 e che si concluderanno in una sequenza scaglionata tra luglio e settembre 2021, in linea con la durata delle misure di allentamento delle garanzie. Saranno condotte come procedure a tasso fisso con piena assegnazione, con un tasso di interesse inferiore di 25 punti base al tasso medio sulle principali operazioni di rifinanziamento prevalenti sulla vita di ciascun Peltro”.

Tale strumento dunque appare un po’ meno conveniente della Tltro che finora abbiamo conosciuto (con uno sconto di 25 anziché 50 punti base sul tasso medio delle operazioni di rifinanziamento), ma più flessibile in termini di potenziali utilizzi per il sistema bancario (in quanto non-targeted).

Restano aperti gli interrogativi sul futuro andamento per gli acquisti di titoli nell’ambito del Quantitative easing, che in caso di necessità potrebbero essere aumentati – sarebbe questo il caso se la combinazione fra gli interventi a livello Ue e quelli di politica monetaria si rivelassero insufficienti a contenere una crisi di fiducia sulla sostenibilità dei debiti pubblici dei Paesi più vulnerabili. Per quanto riguarda, invece, la Pepp, il piano di acquisti temporanei da 750 miliardi, la Bce ha ribadito che in ogni caso non si protrarrà oltre la fine del 2020. 

“Impatto economico senza precedenti”

Nel corso della conferenza stampa la presidente della Bce, Christine Lagarde, ha rimarcato con forza la straordinarietà della fase economica attuale. Una situazione “senza precedenti in tempo di pace” ha dichiarato Lagarde precisando che le previsioni, in questo contesto, sono assai difficili da formulare. Il Consiglio direttivo si aspetta una prima fase in cui l’inflazione sarà destinata a scendere. La previsione sul Pil dell’Eurozona oscilla in modo assai ampio fra il -5 e il -12% “a seconda delle misure che verranno implementate” dai governi per contenere il contagio.
La presidente, infine, ha sollecitato i capi di governo ad andare oltre il pacchetto di aiuti da 580 milioni concordato in sede di Eurogruppo e Consiglio europeo, lasciando chiaramente intendere che lo sforzo in termini di maggiore sostegno alla spesa pubblica dovrà essere ancor più grande.

Spread in salita

Nei minuti successivi alla diffusione del comunicato della Bce lo spread Btp-Bund ha visto una brusca risalita, portandosi da quota 233 a 239,4 (con un massimo di giornata attualmente a 244,2 punti).

 

La conferenza stampa potrà essere seguita in diretta su questa pagina, con tutti gli aggiornamenti in tempo reale in coda all’articolo.

Il Liveblog è terminato

Alberto Battaglia 30 Aprile 202014:33

E’ iniziata in questo istante la conferenza stampa della presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde.

Alberto Battaglia 30 Aprile 202014:36

L’impatto economico prodotto dal coronavirus è “senza precedenti in tempo di pace” risultano “colpiti tutti i Paesi dell’Eurozona” con “uno choc che preannuncia un profondo deterioramento del mercato del lavoro”.
La previsione della Bce, ha detto Lagarde è di un colpo compreso fra il 5 e il 12% del Pil per il 2020. 

Alberto Battaglia 30 Aprile 202014:37

L’impatto economico prodotto dal coronavirus è “senza precedenti in tempo di pace”. Risultano “colpiti tutti i Paesi dell’Eurozona” con “uno choc che preannuncia un profondo deterioramento del mercato del lavoro”.
La previsione della Bce, ha detto Lagarde è di un colpo compreso fra il 5 e il 12% del Pil per il 2020. 

Alberto Battaglia 30 Aprile 202014:46

“L’impatto economico potrebbe essere ancora più grave nel secondo trimestre”, ha dichiarato Lagarde, tenendo conto delle misure anti-contagio che hanno caratterizzato tutto il mese di aprile.

Alberto Battaglia 30 Aprile 202014:48

L’inflazione declinerà considerevolmente nei prossimi mesi. Ciononostante potrebbero esserci pressioni al rialzo dei prezzi a causa di possibili contrazioni dell’offerta, ha dichiarato Lagarde in merito alle prospettive dell’andamento dei prezzi. 

Alberto Battaglia 30 Aprile 202014:50

La massa monetaria circolante M1 continua a essere la principale componente in crescita, a confronto con M2 ed M3, ha precisato la presidente della Bce. 

Alberto Battaglia 30 Aprile 202014:55

Il Consiglio direttivo intima i leader dell’Eurozona ad ampliare ulteriormente lo sforzo in risposta alla crisi, ha detto Lagarde citando esplicitamente il pacchetto da 580 miliardi concordato nel corso di aprile. 

Alberto Battaglia 30 Aprile 202015:10

Quello dell’Omt uno strumento rivolto su base individuale, per singoli Paesi, pensato in un momento in cui la stabilità dell’Area euro era a rischio, ora non è lo strumento ritenuto adeguato a rispondere all’attuale crisi, ha detto Lagarde.

Alberto Battaglia 30 Aprile 202015:24

Per il momento non è stata discussa una revisione dei titoli acquistabili nell’ambito del Quantitative easing: questa la risposta di Lagarde a chi domandava se la Bce avrebbe incluso Junk bond nei piani di acquisti in futuro.