Banche portoghesi fanno ricorso al fondo di salvataggio

4 Giugno 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Oggi al centro delle preoccupazioni dell’Europa ci sono i piani di ricapitalizzazione delle banche europee. Secondo quanto riportato da Reuters tre delle principali banche del Portogallo – Millennium bcp, Banco BPI e Caixa Geral de Depositos – faranno ricorso al pacchetto di salvataggio da 78 miliardi forniti a maggio dai creditori della troika composta da Commissione Ue, Bce e FMI.

Millennium utilizzera’ 3 miliardi di euro, mentre Banco BPI e Caixa Geral 1,2 miliardi e 1,65 miliardi rispettivamente.

Come gran parte degli altri istituti di credito europei, quelli portughesi sono in crisi di liquidita’ ora che i requisiti di capitale devono rispettare i limiti imposti dai nuovi standard di Basilea III.

Secondo i termini del piano di aiuti del Portogallo “le banche del paese devono avere livelli di capitale Tier 1 del 10% degli asset entro la fine dell’anno”. Il piano di ricapitalizzazione fa parte di uno schema piu’ ampio in atto, che ha l’obiettivo di riuscire a rispettare i limiti imposti dalle autorita’ di controllo.

L’unica banca portoghese a non aver ancora fatto ricorso ad aiuti esterni rimane Banco Espirito Santo.