BANCHE POPOLARI, VOLUMI CRESCONO DELL’8,5%

8 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 8 mag – L’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari ha reso note le statistiche di categoria relative al 2006 e le previsioni per il triennio successivo. Il credito delle Popolari ha registrato nel 2006 una significativa crescita dei volumi intermediati (+8,5%). La crescita della provvista da residenti (+11,6%), in particolare, è stata sostenuta dalle operazioni pronti contro termine, cresciute in un anno del 37,5% a causa della dinamica al rialzo dei tassi d’interesse. Si è confermata vivace anche l’espansione delle obbligazioni (+11,4%) mentre più contenuto, ma comunque superiore alla media del sistema bancario, è stato l’aumento dei depositi (+8,1%). Significativo, in linea con gli anni precedenti, l’incremento in ragione d’anno degli impieghi (+10,4%), mentre il portafoglio titoli è cresciuto del 9,8%. In costante diminuzione il grado di rischiosità, sceso al 2,9% a fronte del 3,4% di sistema. Decisamente positive le indicazioni relative al conto economico: il margine di interesse e gli altri ricavi sono aumentati rispettivamente dell’11,5% e del 12,1% determinando una crescita del margine di intermediazione pari all’11,8%. Contestualmente, la ridotta dinamica dei costi operativi (+1,1%) ha reso possibile un incremento del risultato lordo di gestione prossimo al 30%. Le stime di Assopopolari per il triennio 2007-2009, basate su specifici modelli di analisi econometrica, prospettano, per la categoria, un’espansione costante degli affidamenti a tassi del 10% annuo, mentre la provvista dovrebbe crescere a ritmi lievemente inferiori. L’aumento dei volumi intermediati sosterrà il conto economico anche nei prossimi anni, determinando incrementi compresi tra il 10% ed il 15% del risultato di gestione e degli utili.