Banca Generali, nel 2009 utile netto record

8 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il bilancio 2009 di Banca Generali si è chiuso con un utile netto consolidato di €63,2 milioni, un risultato record nella storia di Banca Generali con una fortissima progressione rispetto ai €7,9 milioni del bilancio 2008. Complessivamente il margine di intermediazione si è attestato a €252,2 milioni, con un incremento del 52,2% a/a. L’EBITDA del gruppo è più che raddoppiato, attestandosi a €111,3 milioni (+165,1% a/a), così come il risultato operativo, salito a €105,5 milioni (+188% a/a). Il totale dell’attivo del Gruppo Banca Generali al 31 dicembre 2009 è risultato pari a €3.988,1 milioni. Il patrimonio netto consolidato è stato pari a €268,5 milioni con un total capital ratio del 12,1%. La capogruppo Banca Generali ha realizzato un utile netto di €54,5 milioni, che si confronta con i €12 milioni del 2008. Nel corso del 2009, il gruppo Banca Generali ha realizzato una raccolta netta positiva pari a €2.076 milioni, di cui €612 milioni rappresentati da raccolta organica e la restante parte dal rimpatrio di capitali legato all’operazione di Scudo Fiscale (Scudo Ter). Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all’Assemblea degli Azionisti (che si riunirà il prossimo 21 Aprile in prima convocazione e il 22 Aprile in seconda) la distribuzione di un dividendo di 45 centesimi per azione (rispetto ai 6 centesimi distribuiti nel 2008) per un ammontare complessivo di €50 milioni. Il Consiglio di Amministrazione ha altresì proposto di mettere il dividendo in pagamento dal 13 maggio 2010, con stacco cedola il 10 maggio 2010. L’Amministratore Delegato, Giorgio Girelli ha dichiarato che “il 2009 è stato un anno molto positivo per Banca Generali, che ha saputo offrire una buona redditività sia ai patrimoni dei propri clienti che al capitale dei propri azionisti, pur in presenza di un contesto di mercato strutturalmente instabile e volatile. Siamo fiduciosi di poter offrire soddisfazioni ai clienti e agli azionisti anche nel 2010, potendo contare su un’azienda molto solida, con un chiaro vantaggio competitivo in termini di offerta alla clientela e su una forza del marchio assolutamente unica nel panorama italiano. L’ottimo avvio del 2010 in termini di aumento delle masse e di sviluppo di nuova clientela ci conforta sulla solidità della crescita”.