Azimut: piano industriale non convince, cede il 5% in Borsa

10 Novembre 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il titolo Azimut viaggia intorno ai minimi del 2014, dopo che la holding ha reso noti i dettagli del piano industriale 2014-2019.

Il piano, che prevede profitti per 300 milioni con masse gestite per complessivi 50 miliardi di euro. non ha convinto.

Pur confermando il giudizio di Buy, Citigroup ha rivisto al ribasso il target price a 23 euro da 25. Gli analisti hanno inoltre abbassato le previsioni sull’EPS (l’utile per azione), del 3,3% per il 2014, del 2,7% per il 2015 e dell’1,9% per il 2016.

Il titolo cede il 5,47% a 17,27 euro, in controtendenza netta rispetto al resto del mercato. Il livello più basso testato nell’anno in corso è stato di 16,41 euro, prezzo che si confronta con il picco di 25,84 raggiunto ad aprile.

Un mese e un livello che sembra ormai molto lontano. All’origine del tonfo in Borsa c’è la decisione di Citigroup e di altre banche di ridurre sia stime sia prezzo obiettivo dopo i risultati fiscali resi noti giovedì scorso.