Attacco contro Bund, tassi oltre 1%. Peggiori due settimane da riunificazione Germania

10 Giugno 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Tensione sul mercato dei titoli di stato europei, le vendite continuano a colpire i bond tedeschi, e i tassi sui Bund con scadenza a 10 anni superano la soglia dell’1%, all’1,05%.

I sell sui Bund provocano il calo maggiore in due settimane più forte dalla riunificazione della Germania. I future sui Bund hanno perso -4,5% dal 29 maggio scorso.

Appena due mesi fa circa, i rendimenti dei Bund decennali erano scesi al minimo record dello 0,05%, come conseguenza del programma di QE, quantitative easing, lanciato dalla Bce ufficialmente all’inizio di marzo, al fine di combattere lo spettro della deflazione, in Eurozona.

I bond tedeschi sono reduci dalla peggiore settimana dal 1998, sulla scia del bagno di sangue sul mercato dei bond europei, ma anche di diverse altre aree del mondo, considerati i sell off che hanno messo in ginocchio anche i bond giapponesi e australiani.

A riportare le vendite sui bond europei sono state le parole proferite dal numero uno della Bce, Mario Draghi che ha detto chiaramente che gli investitori dovranno abituarsi alla volatilità del settore. (Lna)