Attacco a Xi Jinping: fake news o realtà?

24 Settembre 2022, di Leopoldo Gasbarro

Verità o fake news? E’ allarme in Cina? Oppure si tratta solo di una montatura mediatica?

Tutto parte da alcuni siti indiani, per i quali Xi Jinping starebbe passando un bruttissimo quarto d’ora. Dovizia di considerazioni e di particolari allarmanti rispetto alla situazione interna al Paese, sono suffragati da immagini e notizie che cominciano a rincorrersi.

A pochi giorni dalla convocazione ufficiale del congresso del PCC (Partito Comunista Cinese) sembra che in Cina i conti non tornino attorno alla figura di Xi Jinping. Almeno così raccontano le cronache indiane.

Le prime notizie “strane”, non ancora verificabili di prima mano, sono apparse su alcuni siti indiani. Sono riportate anche da alcuni canali Telegram riconducibili alla Russia, e amplificate su Twitter. Se di fake news si tratta, si sta alimentando strada facendo.

Per una corretta informazione, ci siamo rivolti ad esperti del settore e del Paese. Da Giuliano Noci, prorettore del politecnico di Milano per la Cina, a Riccardo Monti, presidente del gruppo Triboo, a Piero Guseo, senior institutional sales e responsabile per il mercato italiano di Leverage Shares. Tutti hanno sentito i loro riferimenti in Cina e India senza ricevere alcuna conferma in merito a tali notizie riportate dai siti indiani.

Per dovizia di particolari e di informazione riportiamo l’articolo di Dailyindia.net, che titola come vedete nell’immagine sotto. Subito dopo riportiamo il testo tradotto dell’articolo pubblicato.

Valentina Magri | Wall Street Italia

“Secondo notizie non confermate, Xi Jinping non incontra da molto tempo nemmeno i massimi dirigenti del Partito Comunista Cinese e per la prima volta in due anni Xi Jinping è stato visto lasciare il Paese quando ha partecipato al vertice della SCO (Shangai Cooperation Organiization) a Samarcanda. Allo stesso tempo, è stata annullata anche la visita di Xi Jinping in Arabia Saudita nel giugno di quest’anno, per la quale l’Arabia Saudita aveva fatto molti preparativi. Allo stesso tempo, pur essendo un membro fondatore dell’organizzazione SCO, il leader cinese non ha partecipato attivamente al vertice. Non ha fatto alcun discorso memorabile all’inaugurazione del vertice che ha incontrato con Narendra Modi, o con altri leader di spicco di questa organizzazione diversi da Putin. Tuttavia, si era rifiutato di partecipare alla cena con Putin e il motivo alla base di ciò era stato attribuito al Covid e in seguito è stato rivelato che Xi Jinping era appena partito per Pechino prima della conclusione ufficiale del vertice SCO. Forse era preoccupato e intimorito da qualcosa di grosso e spaventoso.

Migliaia di persone scrivono sui social media cinesi che Pechino è stata occupata militarmente e Xi Jinping è stato rovesciato, tuttavia il mondo non ha idea di cosa stia succedendo, poiché la città è tagliata fuori dal mondo. Secondo “News Highland Vision”, l’ex presidente cinese Hu Jintao e l’ex primo ministro cinese Wen Jiabao hanno ripreso il controllo del Central Guard Bureau (CGB) convincendo l’ex membro del Comitato permanente Song Ping. Lo scopo del CGB è fornire sicurezza ai membri del Comitato Permanente del Politburo del Partito Comunista e ad altri leader del PCC. Il CGB è anche responsabile della sicurezza del presidente cinese Xi Jinping e se qualcun altro prenderà il controllo del CGB, sarà chiamato colpo di stato militare“.

Xi Jinping agli arresti domiciliari il 16 settembre?

Sebbene le cose non siano ancora uscite ufficialmente, i social media cinesi, monitorati da vicino dal governo, hanno ricevuto migliaia di post sul colpo di stato militare, indicando che qualcosa non va. Secondo il rapporto, non appena Hu e Wen hanno ripreso il controllo del CGB, Jiang Zeng e membri del Comitato Centrale di Pechino sono stati informati telefonicamente. I membri originari del Comitato permanente hanno posto fine all’autorità militare di Xi Jinping proprio in quel momento. Xi Jinping è tornato a Pechino la sera del 16 settembre dopo aver appreso la verità. Tuttavia, è stato detenuto all’aeroporto e probabilmente è attualmente agli arresti domiciliari a Zhongnanhai.

La tabella di marcia era già pronta?

Secondo rapporti non confermati, l’ex presidente Hu Jintao ha stabilito il controllo sul potere cinese e, se dobbiamo credere alle notizie, questo è uno dei più grandi incidenti in Cina dopo lo scoppio del virus cinese nel 2019. Negli ultimi dieci giorni, gli incontri politici si sono tenuti a porte chiuse e in assoluta segretezza. Nelle notizie provenienti dalla Cina sono state fornite informazioni anche su quanto accaduto negli ultimi 10 giorni. Questi due vicepresidenti hanno presieduto la riunione di riforma del comitato di finalizzazione l’8 settembre, ha riferito “FTI Global News”. Il presidente delle operazioni, fedele a Xi, è stato rimosso dalla riunione. Mentre era lì, il comandante Li Qiaoming, un generale del PLA, si è seduto al centro della prima fila in fondo al palco per partecipare alla riunione.

Come è avvenuto il colpo di stato in Cina?

Secondo “FTA Global News”, Hu Jintao e Wen Ki Song Ping si sono incontrati quando il presidente cinese era fuori dal paese per partecipare al vertice SCO ed è stato convinto ad agire contro Xi Jinping. Che si prepara ad assicurarsi il suo terzo mandato al potere. Mentre era lì, Ping ha accettato di farlo e poi Xi Jinping è stato preso in custodia dalle sue stesse guardie del CGB. Gli ex leader del PCC avevano predetto che i lealisti di Xi Jinping avrebbero senza dubbio usato l’aggressività per sventare la sua detenzione, ma ciò non è accaduto. Qui, il comandante Li Qiaoming ha ora trasformato Pechino in una fortezza militare. Un grande convoglio di 80 km è entrato a Pechino e tutte le possibili uscite verso la città sono state chiuse. Secondo la fonte, il PLA sta bloccando le autostrade e al momento si parla di fermo dei manifestanti. Quando i disordini politici a Pechino sono diventati noti all’intelligence russa, il gigante russo dell’energia Gazprom ha temporaneamente interrotto il flusso di gas attraverso la potenza dell’oleodotto Siberia, che invia gas russo in Cina. Sebbene la Russia abbia giustificato i tagli come “lavori di manutenzione programmata”, si può chiaramente dedurre che sia stato fatto per sostenere Xi Jinping con proteste furiose.

Ribellione contro Xi Jinping?

Inoltre, i cittadini cinesi scrivono sui social media cinesi che l’aeroporto di Pechino ha cancellato più di 6.000 voli nazionali e internazionali negli ultimi due giorni. Allo stesso tempo, anche i biglietti ferroviari per l’alta velocità sono stati cancellati e i treni ad alta velocità per la capitale cinese sono stati completamente interrotti fino a nuovo avviso. Ore dopo, l’aviazione civile cinese ha avvisato le compagnie aeree con aeromobili Boeing Max di riprendere il servizio. Allo stesso tempo, la difesa nazionale è stata discussa nella riunione della Commissione militare del 22 settembre. Presente a quell’incontro anche Shenyang Kang, che è stato cacciato dal governo da Xi Jinping. Allo stesso tempo, Li Qiaoming, che si occupava della sicurezza del presidente, era di nuovo seduto al centro della prima fila. Allo stesso tempo, Song Ping, il membro più anziano del Partito Comunista Cinese, era presente anche a questo incontro. Ping, che ha 105 anni ed è considerato un oppositore di Xi Jinping, ha anche alzato la voce contro Xi Jinping durante l’incontro. Secondo il rapporto, Song Ping ha affermato che il Paese dovrebbe subire una trasformazione e aprirsi al mondo. Secondo lui, il PCC dovrebbe dargli la massima priorità per il bene della nazione. Allo stesso tempo, quasi tutti i leader conosciuti del PCC erano presenti nella sala della memoria, tranne Xi Jinping e il suo ministro degli esteri Wang Yi.

Wang Yi ha incontrato Henry Kissinger

Allo stesso tempo, l’incidente più sospetto di recente è l’improvvisa visita del ministro degli Esteri cinese Wang Yi a New York. Ha incontrato Henry Kissinger. Il 21 settembre, mentre Song Ping stava manifestando la sua protesta contro Xi Jinping, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha incontrato l’ex segretario di Stato americano. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha sorpreso il Kissinger in occasione del suo imminente centesimo compleanno, descrivendolo come un vecchio e buon amico del popolo cinese. Kissinger è vicino ai membri veterani del PCC e ha dato un contributo storico all’instaurazione e allo sviluppo delle relazioni tra Cina e Stati Uniti. Questo incontro improvviso non mette in dubbio il vero scopo dietro di esso? Tuttavia, nulla sta venendo fuori allo scoperto, su ciò che sta accadendo in Cina. Ma, sulla base del comportamento di Xi Jinping negli ultimi due anni, sembra che Xi abbia sempre avuto l’idea che i veterani del PCC fossero contro di lui. Questi giganti stavano esortando Xi a cambiare il suo comportamento intransigente. Tuttavia, la fame di potere di Xi è stata innegabilmente ostacolata. Se questo rapporto è corretto, allora possiamo dire che il mandato di Xi è scaduto e l’ex presidente Hu Jintao ne è responsabile.

Fin qui l’articolo pubblicato dal sito indiano, ma qualche indagine l’abbiamo fatta anche noi direttamente soprattutto relativamente alla situazione dei voli e dei treni al Paese.

Vi alleghiamo l’articolo pubblicato sul sito di “The Epoch Times”, che cita proprio la cancellazione di massa di quasi il 60% dei voli in Cina.

Valentina Magri | Wall Street Italia

Ma cosa potrebbe accadere davvero?

Su Twitter stanno arrivando molte immagini che trattano la notizia, se davvero di notizia si tratta, visto che è ancora tutta da verificare.

Una di queste immagini, che ha già raggiunto oltre il milione e mezzo di visualizzazioni, sembrerebbe inquadrare mezzi militari in entrata a Pechino.

 

Sarà vero? Sarà una fake news? In una direzione o nell’altra, ne sapremo di più nelle prossime ore.