Asta peggio del previsto, assegnati Ctz e Btp per 3,8 miliardi. Prossimo test il 5 anni

25 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Sulle scadenze brevi arrivano notizie poco confortanti per il Tesoro italiano. Oggi sono stati collocati Ctz con scadenza gennaio 2014 per 2,83 miliardi di euro, nel range di 2-3 miliardi in offerta.

L’emissione ha visto un rialzo del rendimento medio all’1,746% dall’1,682% rispetto all’asta di febbraio. La richiesta ha raggiunto i 4,028 miliardi con un rapporto tra domanda e offerta pari a 1,43 contro l’1,65 precedente.

Assegnati anche Btp indicizzati all’inflazione con scadenza 2018 e 2023 per un 1 miliardo di euro, il target massimo previsto alla vigilia. Per il 2018 il rendimento medio e’ stato del 2,16% e per il 2023 del 3,02%.

Il prossimo lancio del Btp a 5 anni sara’ importante per testare il polso della fiducia degli investitori nelle finanze pubbliche di un paese ancora senza governo.