Assicurazioni auto, Legge Bersani sempre meno sfruttata dai giovani

27 Novembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – I prezzi delle assicurazioni auto in Italia sono fra i più alti d’Europa e questo è un dato di fatto soprattutto per i giovani che pagano la loro inesperienza alla guida. A loro favore, però, c’è la Legge Bersani che consente ai di ereditare la classe di merito di un familiare. Purtroppo questa opportunità di risparmiare sul premio assicurativo è sfruttata da sempre meno italiani under 30.

A segnalare questa situazione è l’ultimo studio dell’Osservatorio SuperMoney, portale online che mette a confronto Direct Line, Quixa e altre compagnie assicurative. Sull’analisi di circa 500 mila richieste di preventivo per l’assicurazione auto, pervenute al portale da novembre 2011 a novembre 2013, è stato dimostrato che i giovani under 30 che dichiarano di usufruire dell’agevolazione prevista dalla Legge Bersani sono sempre più pochi, esattamente il 5,18% in meno rispetto a un anno fa.

Se, infatti, nell’anno solare da novembre 2011 a novembre 2012, la percentuale di chi ereditava la classe di merito e chi no era praticamente la stessa (49,20% contro 50,58%) la differenza si faceva sentire nell’anno successivo fino a novembre 2013. Ora chi non sfrutta la Bersani per ereditare la classe di merito è ben il 55,76%.

Per quale motivo accade ciò? In questa occasione non c’entra la scarsa informazione sui modi per risparmiare, ma la causa di questo fenomeno è la crisi del settore dell’auto. La Legge Bersani, infatti, consente di ereditare la classe di merito da uno dei propri familiari solo in caso di assicurazioni sottoscritte per auto nuove. Purtroppo, visto che un nuovo veicolo nel parco auto familiare è un lusso che si concedono sempre meno famiglie, nuove assicurazioni non vengono stipulate e i giovani non possono approfittare di questa agevolazione.

Si tratta di una situazione che accomuna un po’ tutte le regioni d’Italia, con le dovute differenze, a dimostrazione che in tempi di crisi l’auto è una delle cose su cui si taglia per risanare il bilancio familiare. I giovani italiani, così, preferiscono guidare l’auto dei genitori grazie alla clausola “guida libera” che permette agli intestatari dell’assicurazione di condividere la propria macchina.

“La Legge Bersani ha dato a tantissime famiglie l’opportunità di risparmiare, e si rivela ancora oggi uno strumento normativo efficace – ha commentato Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di SuperMoney – Se molti non possono permettersi un’auto nuova, e quindi non possono approfittarne, ciò non vuol dire tuttavia che sia impossibile risparmiare sull’Rca“.

“Il mercato assicurativo si rivelerà più dinamico di quello dell’auto se i consumatori dimostreranno consapevolezza nelle loro abitudini d’acquisto – prosegue Manfredi – L’aumento del 70% dei confronti online dei preventivi Rca che abbiamo registrato nei mesi scorsi ne è la dimostrazione: gli utenti non si accontentano più della prima proposta, o dell’offerta dell’assicuratore di fiducia, e le compagnie devono adeguarsi con soluzioni sempre più competitive”.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Super Money – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Super Money. All rights reserved