Asia Pulp & Paper (APP) annuncia nuove politiche per le foreste ad alto valore ambientale (HCVF

15 Maggio 2012, di Redazione Wall Street Italia

Il Gruppo Asia Pulp & Paper (APP) ha annunciato la sua nuova Politica per le Foreste ad Alto Valore Ambientale (HCVF), destinata a dare una svolta al proprio modello economico, che comprende l’immediata sospensione dell’abbattimento di foreste naturali nelle proprie concessioni per la produzione di legname da cellulosa in Indonesia. Nel corso dell’ultimo decennio, APP è andata costituendo e attuando una strategia di sostenibilità ad ampio spettro, al fine di tutelare aspetti critici connessi con le preziose risorse naturali indonesiane, con le aree ad alto valore ambientale e con la biodiversità. Ora, in quella che il Gruppo definisce l’«evoluzione naturale» della propria strategia di sostenibilità, APP annuncia il percorso verso l’adozione degli standard HCVF (High Conservation Value Forest), internazionalmente riconosciuti, di tutela delle foreste ad alto valore ambientale. Alle politiche HCVF si darà attuazione immediata con le seguenti modalità: 1. Nel caso di concessioni detenute da APP in Indonesia, a) a datare dal 1° giugno 2012, APP sospenderà l’abbattimento di foreste naturali in coincidenza con l’effettuazione delle valutazioni HCVF; b) abbiamo ingaggiato un team di esperti quotati per condurre le valutazioni HCVF che verranno eseguite in conformità alla migliore prassi del network HCV Resource. Le valutazioni saranno basate su un approccio multi-stakeholder; c) APP tutelerà e proteggerà tutte le aree HCVF identificate dalle valutazioni HCVF; 2. Nel caso di fornitori indipendenti di APP che conferiscono legname da cellulosa in Indonesia, a) In ragione del proprio risoluto impegno all’HCVF, APP si attende dai fornitori indipendenti che si conformino alla nostra richiesta di far eseguire valutazioni HCVF entro il 31 dicembre 2014; b) insieme con una ONG internazionale, nostra partner, ci impegneremo a far adottare ai nostri fornitori indipendenti le valutazioni HCVF; c) APP si riserverà di rivedere e rivalutare i contratti di fornitura laddove non vengano realizzate valutazioni HCVF. Aida Greenbury, Managing Director Sustainability di APP, ha dichiarato: “Ci accingiamo a intraprendere, con effetto immediato, un coraggioso programma, il quale garantirà che i prodotti proposti ai nostri clienti siano caratterizzati dalla massima integrità sotto il profilo ambientale e sociale, inquadrandosi nello sforzo di creazione di una visione condivisa per la comunità globale. Noi teniamo conto delle questioni di fondo sollevate dalle ONG. Scopo della politica di APP è escludere aree HCVF dalla filiera”. Riferendosi alla futura espansione di APP, la Greenbury ha commentato: “Quale realtà imprenditoriale valutiamo costantemente le opportunità offerte dai mercati. Assicureremo che la nostra Politica per le Foreste Naturali venga applicata a tutte le nostre attività attuali e in quelle ove ci porterà la nostra espansione futura.” “Crediamo nella nostra capacità di integrare queste politiche nelle nostre attività, ma riconosciamo nel contempo che il successo richiederà l’impegno di molte controparti” ha aggiunto Robin Mailoa, CEO della Divisione Foreste di Sinar Mas. “La gestione HCVF è un protocollo che va ben al di là delle nostre concessioni e necessita di essere abbracciato e supportato dai membri delle comunità locali, dal governo, dalla società civile e da tutti coloro che sono toccati dal processo di produzione di legname per cellulosa.” L’annuncio è stato salutato con favore dagli stakeholder di APP: Darori, Direttore Generale alla Tutela Foreste e Salvaguardia della Natura presso il Ministero delle Foreste indonesiano, ha commentato: “Il Governo dell’Indonesia ha fatto della tutela delle foreste naturali un caposaldo della politica nazionale. Affinché possa funzionare, anche il settore privato deve prendere iniziative che vadano oltre la lettera della legge. Mi auguro che altre aziende seguiranno l’esempio di APP in questo senso”. Y.W. Junardy, Presidente della sezione indonesiana del Global Compact Network delle Nazioni Unite ha dichiarato: “Accogliamo con entusiasmo la decisione strategica di APP di tutelare e preservare le foreste. APP è un gruppo imprenditoriale attivo nel movimento Global Compact, questo passo dimostra l’impegno e gli sforzi di APP nell’implementare i principi del Global Compact dell’ONU, in particolare l’aspetto ambientale. Questo impegno è importante per la sostenibilità imprenditoriale e per l’ambiente in un ottica a lungo termine.” APP fornirà resoconti periodici dei propri progressi rispetto agli impegni delineati oggi sul proprio sito web: www.asiapulppaper.com. A PROPOSITO DI APP Asia Pulp and Paper (APP) è il marchio-ombrello per prodotti cartari che sono prodotti da diversi stabilimenti in Indonesia: PT. Indah Kiat Pulp & Paper Tbk, PT. Pindo Deli Pulp & Paper Mills, PT. Pabrik Kertas Tjiwi Kimia Tbk., PT. Lontar Papyrus Pulp & Paper Industries, e PT. Ekamas Fortuna. Il Gruppo APP ha i propri quartieri generali in Indonesia e commercializza i propri prodotti in oltre 120 Paesi. La maggior parte degli stabilimenti si fregiano della certificazione Chain-of-Custody attribuita da LEI e PEFC. APP presta il proprio sostegno a varie iniziative di tutela e salvaguardia della natura, tra queste si contano: i 178.000 ettari della Biosphere Reserve della regione di Giam Siak Kecil Bukit Batu nella provincia di Riau e un’area di 106.000 ettari di riserva naturale per il Santuario delle Tigri di Sumatra nella foresta di Senepis, sempre nella provincia di Riau, Sumatra. Altre iniziative di tutela della natura comprendono il sostegno al Kutai Orangutan Program nel Kalimantan e la tutela della specie del Rinoceronte di Giava nel Parco Nazionale di Ujung Kulon. Per ulteriori informazioni: www.asiapulpandpaper.com. A PROPOSITO DI APP CHINA APP China ha i propri quartieri generali a Shanghai, con oltre 20 stabilimenti quail sussidiarie o joint venture, oltre a piantagioni arboricole per un’area complessiva di oltre 300.000 ettari. Con oltre 38.900 dipendenti, APP China detiene una capacità produttiva totale di 8 milioni di tonnellate/anno nel 2010. Al termine del 2010, APP China ha speso RMB 5,5 miliardi (USD 869 milioni) in impianti di protezione ambientale e RMB 600 milioni (USD 92,3 milioni) in varie cause benefiche e in progetti di sviluppo delle comunità del Paese. Per ulteriori informazioni: www.app.com.cn.

Per ulteriori informazioni, contattare:Indonesia – Redita Soumi, APP Indonesiaredita_soumi@app.co.idEuropa – Cohn & Wolfe, t.+44 7331 5246app.ukteam@cohnwolfe.com