Arthur D. Little: È arrivata la fine dell'”Età d’oro” per il private equity’

10 Luglio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Con il fallimento di numerose operazioni di private equity a grande capitalizzazione nel 2007, la crisi apparente del settore si è imposta al centro dell’attenzione. Tuttavia un nuovo saggio pubblicato oggi da Arthur D. Little presenta uno schema mirato ad aiutare le società di private equity a sovraperformare la concorrenza in un periodo di crisi dell’economia. Il saggio, intitolato “Private Equity Value Creation,” (La creazione di valore per il private equity) individua quattro principi a cui aderire come guida per operare nei mercati finanziari, sempre più vulnerabili al rischio, con soluzioni i cui costi di applicazione non sono proibitivi e che possono essere applicate indipendentemente dalle dimensioni di un’azienda.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Petter KileforsArthur D. Little – Leader Pratiche globaliStrategia e Organizzazione- Finanza societaria – Private EquityTel.: +46 (08) 503 [email protected] Glanville/ Maita SoukupSay CommunicationsTel.: +44 (0)208 971 6423 / [email protected]@saycomms.co.uk