APERTURA CAUTA PER LE BORSE AMERICANE

4 Settembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di contrattazioni all’insegna della prudenza per l’azionario a stelle e strisce, con gli investitori che dopo l’euforia delle ultime sedute optano per una pausa di riflessione.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Giornata ricca di appuntamenti sul fronte macroeconomico. Un’ora fa sono stati comunicati i dati sui sussidi di disoccupazione settimanali e sulla produttivita’ del secondo trimestre (rivisto). I primi hanno deluso nettamente le stime, salendo a 413.000 unita’ contro le 393.000 attese, confermando che il mercato del lavoro rimane la palla al piede dell’economia statunitense. Migliore delle previsioni, invece, la produttivita’, che si e’ attestata a +6,8%, contro il +6,4% stimato dagli economisti e il +5,7% della prima rilevazione.

L’azienda America rimane quindi la piu’ efficiente al mondo, ma la mancata creazione di nuovi posti di lavoro fa nutrire dubbi su una ripresa duratura. Gli investitori guardano ora con trepidazione al dato sulla disoccupazione di agosto, in calendario domani, prima dell’apertura dei mercati. Le stime sono per un 6,2%.

Tornando alla seduta odierna, alle 16:00 italiane (le 10:00 ora di New York) saranno diffusi i numeri sugli ordini alle fabbriche di luglio e l’ISM non manifatturiero (servizi) di agosto.

Al mercato valutario, dopo lo sbandamento della vigilia, che lo aveva portato sotto quota $1,07, l’euro tiene oggi $1,08. Continua a farsi sentire l’intervento della BOJ, decisa a combattere un rafforzamento dello yen, che potrebbe mettere a rischio le esportazioni nipponiche. E prosegue la pressione sulle autorita’ cinesi per abbandonare la politica dei cambi fissi.

Per tutti i dettagli sulla sessione odierna clicca su TITOLI CALDI, RUMORS, TARGET NEWS, RATINGS e MARKET WATCH,
in INSIDER
.