Ancora sofferenti i bancari di Piazza Affari

8 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Ancora una giornata di sofferenza per i bancari di Piazza Affari che zavorrano il principale listino di Milano. I cali sul settore degli istituti registrati anche in Europa, dove il comparto bancario è il peggiore del Vecchio Continente si abbatono anche sulle banche italiane. Sembra cntinuare l’onda delle vendite che si è abbattuta ieri dopo la bomba innescata dall’analisi condotta dal Wall Street Journal. Il quotidiano, ieri, ha lanciato un nuovo allarme sul sistema finanziario europeo. I recenti stress test condotti sulle maggiori banche europee hanno sottostimato i rischi. In coda al listino la Popolare di Milano seguita da vicino da Mediolanum. In retromarcia anche Intesa San Paolo e Unicredit che oggi ha in agenda la riunione del comitato di governance straordinario. Secondo diversi quotidiani nel meeting di oggi si svolgerà un dibattito sull’ingresso dei libici nell’azionariato. Sull’argomento il confronto vedrà protagonisti il presidente Dieter Rampl e gli azionisti e l’amministratore delegato, Alessandro Profumo che hanno visioni contrastanti.